Cinema

10 cose da sapere su Cannes 2016

Virginia Francesca Grassi
11 maggio 2016

palme-dor-winners

Grande fermento per Cannes 2016 che da stasera al 22 maggio animerà la Croisette con il glamour del cinema internazionale. I 60 metri del celebre tappeto rosso vedranno sfilare tutti i pezzi grossi dello star system che, attorniati dalla bellezza di 468 fotografi, entreranno nel mitico Palais des Festivals.
Il countdown è iniziato, ma nell’attesa ecco 10 cose che dovete assolutamente sapere sulla 69esima edizione del festival di Cannes 2016.

1431507830_cannes

NUMERI IMPORTANTI. Saranno 30mila i professionisti del cinema presenti al Festival diretto da Thierry Frémaux, mentre stampa e comunicazione hanno raggiunto quota 5 mila accrediti.

MASSIMA SICUREZZA. Si tratta del primo Cannes post-Bataclan, l’allerta è alle stelle: “Sarà fatto il massimo per trovare un equilibrio sulla sicurezza, senza che si scateni la psicosi, facendo di tutto affinché il Festival resti un posto di libertà”, ha spiegato Pierre Lescure, presidente del Festival. Sono più di 800 i poliziotti che presidiano l’area, anche lato mare.

I FILM. Saranno 89 i film che verranno mostrati in anteprima al Festival, nelle sezioni ufficiali e in incontri informali. 21 i film che competeranno per la Palma d’Oro, 1 film farà da apertura, 17 per la sezione Un certain regard, 4 fuori concorso, 5 proiezioni speciali e 2 proiezioni di mezzanotte. Poi la Quinzaine des Realisateurs, con 18 film e altri 15 nella Semaine de la Critique.

Cannes2016

LA GIURIA. Quattro uomini e cinque donne, tutti personaggi di spicco del cinema internazionale,  il prossimo 22 maggio dovranno assegnare la Palma d’oro. Il presidente di giuria sarà George Miller, con lui ci saranno Valeria Golino, Arnaud Desplechin, Kirsten Dunst, Mads Mikkelsen, László Nemes, Vanessa Paradis, Donald Sutherland e Katayoon Shahabi.

IL PREMIO. La preziosissima Palma d’Oro che verrà assegnata al vincitore della kermesse è stata realizzata con nove foglie d’oro puro, una base di cristallo e una lavorazione eseguita rigorosamente a mano. Il suo valore? 20mila euro.

IL MANIFESTO. Per questa 69esima edizione è stato scelto come manifesto la locandina, virata “in giallo”, del sesto film di Jean Luc Godard,Il Disprezzo (“Le Mépris”), tratto dalla celebre opera di Alberto Moravia. Un tributo alla storia del cinema e ad uno dei suoi geni.

Cafe-Society-di-Woody-Allen-cover

ARRIVA WOODY. Ad aprire le danze questa sera sarà Woody Allen con il suo “Café Society”, commedia romantica tra il malinconico e il divertente ambientata nella Hollywood anni Trenta.  Nel cast Kristen Stewart e Jesse Eisenberg, oltre a Steve Carell, Parker Posey, Blake Lively, Corey Stoll, Jeannie Berlin e Ken Stott. Frase cult del film: “La vita è una commedia scritta da un autore sadico“.

GLI ITALIANI. Quest’anno purtroppo nessun film italiano è presente in concorso. Nella sezione Un certain regard debutterà “Pericle il nero che vede come produttori Valeria Golino e il compagno Riccardo Scamarcio. Fuori concorso troveremo invece “Fai bei sogni” di Bellocchio, mentre nella Quinzaine saranno presenti Virzì con “La Pazza Gioia” e Giovannesi con “Fiore“. Ci saranno poi due cortometraggi e una proiezione speciale, “L’ultima spiaggia“, documentario su una spiaggia di Trieste dove c’è ancora un muro alto tre metri a separare uomini e donne.

the-bfg2

SPIELBERG PER GRANDI E PICCINI. Grande attesa anche per il nuovo film di Steven Spielberg che dopo tre anni da quando, nel 2013, ha fatto da presidente della giuria, ritorna sulla Croisette conThe Bfg”, in italiano “Il GGG”, adattamento del romanzo per bambini di Roald Dahl. Il regista ha di recente dichiarato che il film è dedicato alla sua sceneggiatrice Melissa Mathison, l’ex moglie di Harrison Ford, nonché coautrice di “E.T.”, morta a novembre a 65 anni.

TRIBUTO A DE NIRO. Grande ritorno al festival per Robert De Niro: il 16 maggio sarà infatti dedicato alla proiezione di “Hands of Stone“, del regista venezuelano Jonathan Jakubowicz, che vede l’attore americano vestire i panni di Ray Arce, manager e allenatore di Roberto Durán (Edgar Ramirez), pugile panamense che negli anni ’70 – ’80 raggiunse il successo sconfiggendo Sugar Ray Leonard. “Sono felice di fare ritorno a Cannes, specialmente con “Hands of Stone“, film di cui sono molto orgoglioso – ha dichiarato l’attore – Questa pellicola è trionfante, esaltante e permetterà al pubblico di passare dei bei momenti, perciò non vedo l’ora di rivedere i miei amici da ogni parte del mondo pronti a unirsi a noi per questo evento piacevole“.


Potrebbe interessarti anche