Lifestyle

10 cose da sapere su Scalo Milano City Style

Clarissa Monti
27 ottobre 2016

fashion-1

Se ne parlava da mesi, ora lo shopping center realizzato da Promos e dal gruppo Lonati a Locate Triulzi, alle porte di Milano, ha finalmente aperto i battenti. Tra cifre da capogiro, aperture esclusive e un concept del tutto inedito, Scalo Milano City Style si preannuncia un successo.
Dopo Il Centro di Arese, si tratta del secondo importante centro commerciale inaugurato quest’anno nell’hinterland milanese.
In attesa di visitarlo, ecco in 10 punti tutto quello che c’è da sapere su Scalo Milano City Style.

2016-10-26-scalo-milano-city-style-1

Quando. Scalo Milano City Style è stato inaugurato ufficialmente giovedì 27 ottobre, alle ore 15. Gli orari settimanali saranno i seguenti: domenica-mercoledì10-22; giovedì-sabato 10-23.

Dove. Il nuovo centro sorge in via Milano 5 a Locate Triulzi, facilmente raggiungibile dal capoluogo lombardo sia in macchina (da Via Ripamonti, Uscita 8 della Tangenziale Ovest A50 e SS 412 Val Tidone), sia con i mezzi pubblici attraverso la rete metropolitana e ferroviaria (passante suburbano S13).

2016-10-26-scalo-milano-city-style-8

I numeri. Le cifre sono da capogiro, a partire dai 200 milioni di euro investiti sul progetto. Scalo Milano si estende su un’area di 30mila metri quadrati su un unico livello, con 130 negozi e 4 mila posti auto. Ma il centro punta ad una rapida espansione, prevedendo a regime di raggiungere i 60mila metri quadrati, con 300 punti vendita, dando così lavoro a 1500 dipendenti. Fiore all’occhiello della struttura, un’area verde di 130 mila metri quadrati, ceduta al Parco Agricolo Sud Milano.

2016-10-26-scalo-milano-city-style-4

Il progetto. Il centro sorge nell’area dell’ex biscottificio Saiwa, rimasta abbandonata dal 2004. Promos ha voluto riqualificare la zona reinterpretando il design industriale originario con l’utilizzo di soluzioni architettoniche e materiali d’avanguardia capaci di minimizzare l’impatto sull’ambiente: i moduli, tutti su un piano, si ispirano infatti alle vecchie fabbriche col tetto a spiovente, che vengono però attualizzate da facciate in vetro e acciaio, interni rivestiti con pelli innovative e l’uso di superfici specchiate e metalli cromati.

Il concept. L’intento è quello di discostarsi dalla classica idea di centro commerciale, creando invece  un distretto fortemente integrato con il centro città meneghino: “Scalo Milano è la nuova Porta di Milano, accessibile a tutti. Costruito guardando al terzo millennio, sulle fondamenta di un complesso tardo industriale, è un luogo d’eccellenza che ospita design, moda, buon cibo e un tocco d’arte”.

2016-10-26-scalo-milano-city-style-6

Le 3F. L’intera area è divisa in tre settori che rappresentano tre eccellenze italiane: Fashion, Food, Forniture.

Il Design District. Comprende ben 26 monomarca del area design, tra cui spiccano top brand del calibro di Alessi, B&B Italia, Bialetti, Calligaris, Cappellini, Cassina, Corsini Night Experience, Dada, Kartell, Kartell Lights, La Casa dei Sogni by Caleffi (Trussardi Home – Cavalli Home Linen – Carrara – Mirabello), Liv’In De’Longhi Store (De’Longhi – Kenwood – Braun – Ariete), Luxury Living (Fendi Casa – Trussardi Casa – Heritage Collection), Molteni&C, Natuzzi Italia, Poliform, Poltrona Frau, Scavolini, Tempur, Tisettanta (Elam – Halifax, opening soon), Varenna e Vitra.

2016-10-26-scalo-milano-city-style-3

Il Fashion District. Guardando al mondo della moda si spazia invece dall’abbigliamento agli accessori, fino al beauty, suddivisi in aree tematiche, per facilitare il visitatore negli acquisti. Nella zona Sport & active, Converse si perpara ad inaugurare il suo primo monomarca italiano, mentre il Nike Factory Store sarà il più ampio negozio europeo in mall. Per il Jeans & casual troviamo brand come  Calvin Klein, Ferrari, G-Star Raw, Guess, Levi’s, Timberland e Tommy Hilfiger.  Nel Contemporary & affordable luxury spiccano invece i primi monomarca in Italia di Karl Lagerfeld e Twinset U&B (Underwear/Beachwear). Per Accessori, gioielli e calzature la scelta poi va da a.testoni a Baldinini, da Fratelli Rossetti a Swarovski, da Swatch a DoDo. Ultima ma non ultima, l’area Cosmesi con beauty brand quali Douglas, L’Erbolario, Pupa e Terme di Sirmione.

santo-tolone-la-vie-aquatique-2016-work-in-progress-ph-davide-sala-1

Il Food District. Sviluppato su due livelli, comprende 15 tra negozi, caffè e ristoranti che dal mattino alla sera sono pronti a soddisfare a tutti i gusti. Qualche esempio? Antica Focacceria San Francesco, Doppio Malto – Fabbrica di Birra, La Piadineria, Lindt, Mc Donald’s, Nespresso, Panini Durini, Roadhouse Restaurant, Rossopomodoro, shi’S e Spontini Milano 1953.

Scalo Arte. Per la prima volta all’interno di un centro commerciale, 2 mila metri quadrati sono dedicati all’arte contemporanea e alla cultura. Ogni sei mesi si alterneranno mostre ed esposizioni, che andranno ad aggiungersi al ricco palinsesto di incontri e iniziative promossi da laFeltrinelli RED. Primi autori ad esporre saranno il fotografo Settimio Benedusi, gli artisti Santo Tolone e Alice Ronchi, e il writer Andrea Sergio.

 


Potrebbe interessarti anche