Advertisement
Leggere insieme

23 Aprile Giornata Mondiale del Libro e dei Diritti d’Autore

Marina Petruzio
23 aprile 2013

Per celebrare il libro ed in particolare la sua forma per me più affascinante, l’albo illustrato: “Guarda, UN LIBRO!” di Libby Gleeson, illustrato da Freya Blackwood ed edito da LO Editions.
Mi è sembrato il miglior albo di cui parlare oggi. Perché è un inno alla lettura, alla lettura ad alta voce con la nonna che, dividendo la sua sedia e cominciando a leggere, apre una porta su un mondo infinito. E’ la sintesi del significato di lettura: leggere sviluppa la fantasia, rende liberi, condivisa crea nuove amicizie e compagni di gioco, leggendo si cresce.
Ed i preziosi acquarelli di Freya Blackwood sono in questo caso più espliciti di qualsivoglia altra parola ed infatti di parole in quest’albo ce ne sono poche.

E’ una calda e ventosa giornata. Detriti portati dal vento, plastica, cose rotte. Terra e polvere dappertutto. La staccionata di lamiera ondulata – legni vecchi e assi – che delimita un fuori difficile ed un dentro deposito di cose lasciate in ogni dove, senza un senso ed un modo ad indicare che quello comunque non è il loro reale posto, ma che nella povertà tutto può servire.
La nonna scalza, rientra dal suo giro quotidiano, nel carrello, arrivato lì da chissà dove, scatoloni di cartone, sacchi di tessuto, cose raccattate lungo il cammino. La poca spesa comperata nella sporta appesa al braccio: è da li che è scivolato quello strano oggetto rosso ora sul selciato impolverato?

Due bimbi rientrano, tutta la mercanzia nel carrello della nonna ha trovato un non luogo dove stare in attesa di essere ri-utilizzata chissà da chi e chissà per cosa. Il dehors della casa deserto. Non ci sono più neppure il cane né il papà che ha armeggiato a lungo, la mattina, attorno a due ruote di bicicletta malandate. E’ quasi sull’uscio che i due bimbi polverosi d’aria e di terra trovandolo esclamano: “Guarda, un libro!”

Siamo in una bidonville al limitare di chissà quale metropoli in chissà quale paese.
Vi immaginate? Trovare un libro! Dalla bellissima copertina rossa proprio come “Guarda, UN LIBRO!” !

Che sia prezioso è chiaro da subito ed i bimbi si mettono al sicuro in un luogo alto dove nessuno li possa raggiungere, disturbare, sottrarre il loro tesoro.
Se lo tolgono dalle mani l’un con l’altra, è un oggetto che subito appare unico, uno scrigno magico, un oggetto prezioso e fragile da proteggere dal vento e dalla polvere, dalla bocca del cane, dalla pioggia.
Qualcosa da tenere stretto in quel mondo difficile.
E quella manina che lo accarezza ce ne restituisce la straordinarietà.
I bimbi lo aprono curiosi e subito inizia il loro primo avventuroso viaggio dove oggetti e luoghi quotidiani, detriti e roba vecchia vengono coinvolti in un’avventura che tutto trasforma e che tutto riusa a suo vantaggio.
Allora si viaggia su una zattera volante di lamiera, si galoppa su una gallina gigante; dove la tazzina del caffè ripara dalla pioggia torrenziale che copre tutto, diventando un mare che si può attraversare: basta ridare senso alla tazza-ombrello e trasformarla in tazza-barca e via alla ricerca del libro andato a fondo, un fondo dove coralli e grotte-pattumiera celano un castello-bottiglia rotta dove il libro ha trovato rifugio.

Finita l’avventura i bimbi portano il libro dalla nonna che aprendolo e leggendolo ad alta voce inizia così un’altra avventura in una città che, come in un laboratorio del fare, vede palazzi di lattine, antenne di cannuccia, fabbriche di contenitori del latte…Ed è così che il libro si legge una volta e poi due, e poi ancora ed ancora, e leggendo la vita migliora…
Ed in ultima pagina la staccionata è allegramente colorata, anche la terra è più rossa, forse oggi è una bella giornata, son venuti degli amici che seduti in semicerchio ascoltano la lettura ad alta voce della nonna. Anche il cane ascolta interessato, non più alla catena, ed un’amica sbircia da fuori, alle spalle della nonna, le immagini colorate del libro-tesoro.

Il commento di Tommaso è stato “Fantastico!”, poi è fuggito alla volta degli armadietti della cucina ed ora si sta costruendo una città fantastica fatta di mille oggetti ed utensili dove far vivere un’altra avventura ai suoi soldatini…anche a questo è utile un buon libro!

E stasera mi raccomando: a tutti una favola in più!

Marina Petruzio

www.FreyaBlackwood.com.au
www.LO-ed.com

Guarda, UN LIBRO!
Testo di Libby Gleeson ed illustrazioni di Freya Blackwood
LO Editions
Euro 12,00


Potrebbe interessarti anche