Destinazioni

5 mete al di fuori della Cina per il Capodanno cinese

Federico Sigali
30 gennaio 2016

copertina

La Cina è Vicina. Se Enrico Emanuelli avesse scritto questo romanzo oggi, anziché nel 1957, l’avrebbe probabilmente intitolato La Cina è qui. Infatti le comunità cinesi nel mondo sono un fenomeno in continua crescita e il grande attaccamento di questa popolazione orientale verso le proprie tradizioni millenarie fa si che ovunque vada si porti con se il proprio bagaglio culturale. Ecco dunque che all’interno delle Chinatown internazionali ogni festività cinese è celebrata come si farebbe in Cina, prima fra tutte quella del capodanno, che si svolge ogni anno tra la metà di gennaio e quella di febbraio (quest’anno sarà l’8 febbraio e si entrerà nell’anno della Scimmia). A voi una raccolta dei più bei festeggiamenti del capodanno cinese fuori dalla Cina, tra feste, balli e antiche consuetudini.

1. New York

New York si tinge di rosso, in tutti i sensi. L’8 febbraio, alle 11 di mattina (la mezzanotte cinese) l’Empire State Building si illuminerà dei colori della bandiera cinese, in omaggio ad una delle comunità cinesi all’estero più vaste che ci siano. Parate, fuochi d’artificio e sfilate in costume andranno avanti per tutta la giornata tra le strade di Chinatown e Little Italy, nella Downtown di Manhattan. I festeggiamenti termineranno soltanto il 22 febbraio, con la festa della lanterna, quando i sino-americani faranno volare sul fiume Hudson delle lanterne di carta, simbolo dei loro desideri per l’anno venturo.

2. Bangkok

Yaowarat Road è dove andare per immergersi nei festeggiamenti del Capodanno Cinese di Bangkok. La capitale thailandese ospita infatti una delle più grandi Chinatown del mondo e proprio qui l’8 Febbraio andrà in scena l’annuale grande parata del dragone. Danze e spettacoli proseguiranno fino a tarda notte, accompagnati dagli immancabili fuochi d’artificio e petardi che, secondo la tradizione cinese, servono a scacciare gli spiriti maligni.

3. Los Angeles

A Los Angeles la presenza dell’industria cinematografica si sente anche durante il capodanno cinese. Infatti, nella tradizionale parata che si volge per le strade della Chinatown californiana, viene di anno in anno nominato un Grand Marshall (o padrino) scelto tra i cinesi celebri sul grande schermo. Questo scettro, per moltissimi anni nelle mani Bruce Lee, è stato poi passato a tanti altri come David Carradine, Keye Luke o Garret Wang.

4. Londra

Le celebrazioni del Capodanno Cinese di Londra sono le più grandi d’Europa. Il fulcro nevralgico è la zona del Wes End, dove migliaia di cinesi e non accorrono per assistere alla tradizionale parata e per augurarsi il Kung Hei Fat Choi (Buon anno in Cinese). La sfilata partirà da Duncan Street e terminerà in Trafalgar Square. In tutta la città i festeggiamenti andranno avanti per quindici giorni con eventi dedicati per l’intero mese di Febbraio: un mercato alimentare a Soho e speciali addobbi in tutta la zona di Chinatown.

CAPODANNO CINESE

Anche a Milano non mancheranno i festeggiamenti per il Capodanno Cinese. L’anno della scimmia sarà accolto dalla comunità cinese meneghina con la tradizionale parata che l’8 Febbraio andrà da Piazza Gramsci fino alla Fabbrica del Vapore. Un grande dragone di stoffa verrà trasportato per tutta via Paolo Sarpi dove sfileranno anche le scuole di danza orientale e di arti marziali della città, tra musica e botti. Per chi cercasse poi un’esperienza ‘completa’ , la sera del 7 febbraio molti ristoranti della zona organizzano cene con balli e musica per festeggiare l’arrivo del nuovo anno.


Potrebbe interessarti anche