Psicologia

7 Cose da NON sacrificare in una relazione

Lucia Giovannini
11 settembre 2014

Lucia Giovannini credits foto Stefano Martinelli

Le relazioni con gli altri ci permettono di scoprire altri lati di noi stessi. Come scrivo in Mi Merito il Meglio, i rapporti interpersonali ci obbligano a uscire dall’isolamento e a smettere di essere centrati solo su noi stessi. Possiamo usarli non solo per sviluppare consapevolezza, ma anche per allenare gentilezza, compassione, perdono, rispetto, pazienza. Ci sono però alcune cose che NON dobbiamo sacrificare quando siamo in una relazione, eccole.

1. La tua autostima e il rispetto per te stessa/o
L’autostima è la stima che abbiamo per noi stessi, per il semplice fatto che esistiamo e siamo creature dell’Universo. Non dipende né da quello che facciamo, né dagli altri. Una relazione sana costituisce la base per migliorarci ancora di più ed esplorare il mondo intorno a te. Una relazione in cui si sentiamo “schiacciati” o piccoli è un avvertimento che qualcosa non va. Non lasciare mai che l’altro ti manchi di rispetto, ricorda che sei sempre in controllo della tua zona di potere, composta dai tuoi pensieri, dalle tue emozioni, dalle tue parole e dalle tue azioni.
Nessuno ci può obbligare a fare scelte che non vogliamo fare. Nessuno ci può far arrabbiare o far sentire inferiori, a meno che non siamo noi a permetterglielo.

2. La tua indipendenza emotiva e finanziaria
Essere in una relazione sentimentale è appagante, ci fa volare e ci conduce in territori sconosciuti, ma attenzione a tenere i piedi ben piantati a terra. È importante mantenere la nostra identità, senza trasformarci nella copia dell’altro.Continua a frequentare i tuoi amici anche senza il tuo partner, coltiva i tuoi interessi anche se sono diversi, coltiva le tue aspirazioni lavorative e tieni un conto in banca separato. Essere indipendenti significa che scegliamo di essere in una relazione perché lo vogliamo, non perché ne abbiamo bisogno.

3. La tua libertà di pensiero
Venirsi incontro nelle relazioni è importante per mantenerle sane e per crescere insieme. Quando il partner cerca di esercitare il controllo su di noi (e viceversa), è il caso di parlarne. Commenti negativi sul modo di vestire, cucinare, comportarsi in pubblico, sugli amici che abbiamo dovrebbero farci riflettere se siamo veramente liberi nella relazione. Scegli per te stessa/o, non farti manipolare dagli altri solo per renderli felici o per paura di rimanere sola/o.

4. La libertà di essere te stessa/o
Le relazioni ci cambiano, ci fanno considerare diversi punti di vista e nuovi interessi, ma non dovremmo mai dimenticarci dei nostri valori base, quelli che risiedono nel nostro cuore e che non cambiano mai. Chi ci ama, ci ama per quello che siamo, perfetti nelle nostre imperfezioni. Cercare di cambiare solo per piacere agli altri (e cercare di cambiare gli altri per farli diventare quello che vorremmo) è uno spreco di energie inutili e si rivelerà un fallimento (per fortuna). 5. I tuoi sogni e le tue aspirazioniL’amore non chiede mai di rinunciare a quello che siamo veramente. Una relazione sana dovrebbe aiutarci a perseguire i nostri sogni, invece di abbandonarli. Chi limita la nostra creatività o cerca di spegnere la fiamma della nostra passione, lo fa per insicurezza o gelosia e per mantenere il controllo, tutti elementi che non consentono a una relazione di essere solida e crescere.

6. Le amicizie e gli altri legami importanti per te
La sfera sociale è importantissima per il nostro benessere. Ricordati di non trascurarla anche se, per il momento, hai una relazione sentimentale felice ed appagante. In alcuni casi, potrebbe essere il partner a chiederci di smettere di vedere determinate persone o la tua famiglia. Ancora una volta, quando qualcunocerca di isolarci dai legami importanti per noi, è perché vuole mantenere il controllo su di noi e soffocare la nostra libertà. Sei proprio sicura/o che sia questo quello che vuoi?

7. Il tuo potere decisionale
Quando ci troviamo in una relazione, può capitare di “appoggiarsi” all’altro ed esercitare sempre meno il nostro potere decisionale. Più deleghiamo le decisioni agli altri, meno saremo capaci di prenderle per noi stessi. Coinvolgere l’altro va bene, ma non sempre. Se si tratta di questioni piccole, decidiamo per noi stessi.
Questo ci permetterà di mantenere la nostra identità e rafforzare la nostra capacità di camminare con le nostre gambe.

Liberamente adattato da Lifehack 

Esercizio di chiusura per i lettori di Luuk Magazine: creala tua relazione ideale
Sia che tu sia in una relazione o che in questo momento tu sia single il primo passo per avere la relazione ideale è… crearla!Siccome spesso non abbiamo nemmeno chiaro ciò che desideriamo in una relazione, ecco da dove partire.Fai un elenco scritto di tutte le caratteristiche che desideri in una relazione, sia aspetti del tuo partner ideale, fisici, mentali, emotivi sia di cosa vorresti nel vostro rapporto (per esempio intimità, amicizia, complicità, ecc).
Se sei già in coppia chiediti: come posso portare la mia relazione verso tutto ciò? Che cambiamenti ho bisogno di fare?Se sei single, questa sarà un’ottima bussola per capire se le persone che incontri sono compatibili o meno con te.

A cura di Barbara Micheletto Spadini
Credits foto Stefano Martinelli


Potrebbe interessarti anche