Psicologia

7 modi per riprendere in mano la tua vita

Lucia Giovannini
13 marzo 2014

Lucia Giovannini credits foto Stefano Martinelli

Quante volte ci ritroviamo catapultati in situazioni che non volevamo? Quante volte accade qualcosa che non ci sentiamo pronti ad affrontare? A tutti capita di sentirsi in balia degli eventi, incapaci di uscire da una spirale di negatività che ci trascina e ci fa sentire impotenti. Vorremmo riprendere il controllo della nostra vita, cambiare direzione, ma spesso travolti dal caos non sappiamo da dove iniziare.

Ecco 7 consigli per riscrivere il copione della tua vita ed esserne il protagonista:

1. Ascoltati
Ascolta il dolore, l’ansia, lo stress, la stanchezza. Cosa ti stanno comunicando? Qual è quell’area della tua vita che sta boccheggiando, desidera aria fresca e ha sete di cambiamento? Accettare e ascoltare le emozioni negative richiede molto coraggio, ma è la porta per la vera felicità. Cos’è che ti fa battere il cuore?
Smetti di liquidare quel sogno, quel desiderio con la logica della paura che ripete incessantemente che “non si può-non è il momento-non ha senso-sarà troppo difficile- ma se poi”. Ascolta il tuo istinto, rinnova le aree della tua vita che non rispondono più ai tuoi desideri più profondi. Osa sognare e permettiti di vivere i
tuoi desideri e passioni.

2. Diventa padrone della tua mente
Sono i pensieri che attraversano la nostra mente a creare la realtà che ci circonda.
Il modo in cui pensi a te stesso plasma l’immagine che hai di te. Quando ti capita di avere pensieri negativi domandati se ti appartengono o sono frutto di condizionamenti del passato e di giudizi esterni a te stesso. Chiediti in che modo possono essere utili. Se non lo sono, lasciali scivolare via e sostituiscili con altri che arricchiscano la tua vita. I pensieri governano le tue azioni e le tue reazioni ad ogni evento. È qui che risiede la chiave di volta. Padroneggia i tuoi pensieri, scegli con cosa nutrire la tua mente e diventerai padrone della tua vita.

3. Impara a lasciare andare
Oggi è il primo giorno della tua vita. Ieri è già andato e domani credimi che non arriverà prima di domani. Oggi, ora, adesso è l’unico momento su cui hai potere. Per quanto doloroso sia stato il tuo passato, per quanti sbagli credi di avere commesso, per tutte le cose che sarebbero potute andare diversamente, ormai sono andate. Vuoi cambiare qualcosa? Fai ora, adesso, qualcosa di diverso. Lascia andare il senso di colpa, la rabbia, il dolore, la tristezza e prima di lasciarli liberi domanda loro cosa ti hanno voluto insegnare di utile per rendere diverso, migliore il tuo oggi.

4. Allena l’assertività
Meriti di dire sì quando vuoi dire sì e no quando senti che quella determinata richiesta non è in linea con te stesso e non è giusta per te in quel momento. Non c’è niente da guadagnare, ma tutto da perdere a lasciare che siano gli altri a decidere per te. Essere assertivi significa avere il coraggio di essere ed esprimere se stessi e ti permette di evitare la trappola del “se avessi fatto/detto/se fossi stato diverso”. Che senso ha cercare di essere diverso da ciò che sei nel profondo?

5. Apprezza e godi delle piccole cose di ogni giorno
Ormai numerosi studi scientifici hanno ampiamente dimostrato come esprimere gratitudine aumenti stabilmente il nostro livello della felicità. Un modo per riconoscere quelle cose che ci rendono grati della vita è godere del momento che stiamo vivendo ora. Stai cenando? Gusta ogni boccone, assaporalo. Nota come questo cambia il semplice atto di mangiare. Stai chiacchierando con un amico/a? Ascoltalo apertamente, sospendi il giudizio e fai domande. Goditi la conversazione, le risate, i silenzi. Ricorda che ogni volta che ascolti qualcuno imparerai almeno una cosa nuova che ti sarà utile. A fine giornata scrivi nel tuo diario o nelle note del tuo smartphone tre cose per cui sei grato quel giorno. Può essere il sorriso di un
estraneo, un tramonto, la telefonata di una persona cara, un passo fatto verso il tuo obiettivo.

6. Ridi, sorridi, gioca
Diceva Nietzsche “non si può ridere di tutto e tutti ma ci si può provare”. Inizia da te stesso, guarda al lato comico dei problemi e delle difficoltà che incontri. Riuscirai a creare il distacco necessario per vederle da altre angolazioni. Ridi delle tue paure, è uno dei modi migliori per affrontarle con coraggio. Sorridi. Non per convenzione o convenienza. Sorridi perché non c’è niente di più bello che poterlo fare. Entra in un bar la mattina e senti come cambia il tuo stato d’animo e l’atmosfera intorno a te regalando un sorriso sincero. A volte può non essere facile farlo quando attorno a noi abbiamo persone imbronciate, ma è proprio in quelle situazioni che un sorriso è il più bel dono che puoi fare agli altri e a te stesso.
Gioca, torna bambino, scherza. Prova ad affrontare un compito noioso come se fosse un gioco divertente. Ti aiuterà a focalizzarti sugli aspetti piacevoli che non avevi minimamente considerato, stimolerà la tua creatività e ti aprirà a nuovi punti di vista.

7. Scegli il bicchiere mezzo pieno
La vita è piena di sfide. Affrontarle con sano ottimismo significa rivolgere la propria attenzione alle possibilità racchiuse dentro la difficoltà. Ricordati che dietro ogni vincolo c’è sempre un’opportunità, che ogni crisi può essere un’occasione e che il dolore porta sempre con sé il seme di una meravigliosa rinascita. Tocca a te scegliere se raccoglierlo.

Sei pronto per riappropriarti della tua vita?
In collaborazione con Diletta Marabini

Esercizio di chiusura per i lettori di Luuk Magazine
Ecco un esercizio tratto dal mio libro Libera la tua vita che ti aiuterà a uscire dalla trappola del “bravo bambino” che lascia la sua vita in mano agli altri pur di essere amato, accettato e evitare discussioni.
Decidi di dire almeno 5 no al giorno.
Possono essere cose anche piccole, come non accettare un invito a cena quando tutti si aspettano che tu ci sia o dire gentilmente no ad un cibo che non hai voglia di mangiare, ma che qualcuno ha preparato.
O magari possono essere no più importanti, come dire no ad un progetto di lavoro o famigliare che ti coinvolge ma in cui tu non credi.
Ricordati che non stai dicendo no agli altri ma si a te stesso!
Questi semplice esercizio ti allenerà ad avere la libertà di dire i no meno facili e magari più importanti nella tua vita :-)

A cura di Barbara Micheletto Spadini
Credits foto Stefano Martinelli


Potrebbe interessarti anche