Lifestyle

8 curiosità che dovete sapere su Pasqua

Flaminia Scarpino
10 aprile 2017

La festività più dolce dell’anno è vicina: Pasqua sarà il 16 di aprile.

Nonostante per la religione cristiana la celebrazione della resurrezione di Gesù sia più importante del Natale, spesso in realtà tendiamo ad ignorare tantissime curiosità interessanti su questa festa. Qualche esempio? Cosa c’entrano i coniglietti? Da dove viene la parola Pasqua? Perché si regalano uova di cioccolato?

Ecco a voi 8 cose che non sapete, ma dovreste sapere, sul giorno simbolo della rinascita e…degli zuccheri!

1- Il termine Pasqua deriva dall’aramaico “Pesach”, che significa “passaggio”, mentre la parola inglese Easter proviene da Eastre, nome di un’antica divinità della fertilità. Esistono poi due modi di intendere la Pasqua: quella ebraica festeggia il passaggio dal Mar Rosso di Mosé, invece quella cristiana celebra la resurrezione di Gesù.

2- Se a Natale facciamo la corsa ai panettoni, Pasqua è invece il momento delle colombe. Questo dolce tipico ha origine da una leggenda medievale: il Re longobardo Alboino durante l’incursione nella città di Pavia, che non voleva arrendersi al suo esercito, ordinò che gli fossero consegnate tutte le fanciulle vergini della città per farne oggetto della sua passione. Per propiziarselo, le donne si presentarono davanti al Re con un dolce a forme di colomba, volatile preferito di Alboino.

3- Inutile dire che i romani non festeggiavano la resurrezione di Gesù mangiando uova di cioccolato: la prima venne infatti prodotta nel 1873 a Bristol dalla Fry. Da lì il dolce ha fatto il giro del mondo ed è diventato una vera tradizione, rendendoci tutti – ma soprattutto i più golosi! –molto felici.

4- Chi non ha mai dipinto delle uova quando era bambino? Quella che in Italia è semplicemente un’attività ricreativa nell’est Europa è un’importante tradizione: la Pysanka, molto praticata soprattutto in Ucraina, è una vera e propria arte che varia in base al Paese in cui le uova sono realizzate e sforna dei veri capolavori!

5- Il coniglietto pasquale è entrato nella nostra cultura grazie al luteranesimo, per il quale rappresenta un Babbo Natale delle uova, dei dolci e ovviamente dei giocattoli. Così il coniglietto, simbolo della fertilità per le sue capacità riproduttive, è giunto saltellando – e ricoperto di cioccolata – anche nelle nostre case.

6- Ogni paese ha la propria tradizione culinaria e per questo i dolci di Pasqua non sono uguali in tutto il mondo. Forse non tutti sanno che in America si usa mangiare grandi quantità di marshmallow: ogni anno durante il periodo pasquale se ne vendono più di 700 milioni. Sicuramente ai dentisti americani non manca il lavoro.

7-  Pasqua non arriva mai lo stesso giorno e questo è risaputo, ma  sapevate anche che la data non è uguale per tutti? I paesi che seguono le tradizioni della Chiesa orientale si rifanno al calendario Giuliano, mentre noi, che dipendiamo dalla Chiesa occidentale, utilizziamo il calendario Gregoriano.

8- Un’inquietante curiosità riguarda i Paesi Scandinavi, dove la religione prevalente è quella luterana: tra il venerdì santo e la domenica di Pasqua, soprattutto in Svezia e in parte della Finlandia, si accendono numerosi falò per ricordare la cacciata delle streghe e le bambine girano per le case con fazzoletti in testa e scope in mano, per chiedere dolcetti come ad Halloween.


Potrebbe interessarti anche