Advertisement

8 indirizzi per perdersi (e ritrovarsi) a Venezia

Tiziana Cosso Olivetti
12 maggio 2017

In pieno fermento per la Biennale, Venezia diventa il fulcro di un certo mondo che la sceglie non solo per la bellezza di un luogo unico, ma anche per non perdersi un assaggio di quella mondanità culturale che non passa mai di moda.

Trovare indirizzi in una città simile è un invito a nozze perché qualsiasi angolo della Serenissima è un luogo da ammirare e in cui attardarsi… ma come di consueto, ecco i miei personali indirizzi veneziani.

Biennale di Venezia Quest’anno è indirizzo irrinunciabile, dal 13 maggio al 26 novembre 2017 Venezia diventa un’opera d’arte che si snoda tra l’Arsenale e i Giardini, spazio ai settori dell’Arte quali Danza, Teatro, Musica e Cinema che regalano performances uniche. Nata nel 1895, la Biennale di Venezia è considerata una delle istituzioni culturali più note e prestigiose del mondo. Impossibile mancare, gli appuntamenti sono tantissimi e consultabili sul sito.

www.labiennale.org

Oro Restaurant Regalarsi una cena stellata e romantica, nella quiete della Giudecca mentre dall’altra parte del canale impazza la folla è un vero lusso per palato, occhi e benessere. Lo Chef Davide Bisetto conduce magistralmente Oro verso continui successi grazie all’interpretazione personale di piatti della tradizione, presentati come opere d’arte dipinte sui piatti. Una stella Michelin, un hotel che ha fato la storia della città e la luna sulla laguna. Prenotare è obbligatorio.

Oro Restaurant, Belmond Hotel Cipriani, Giudecca 10

Caffé Florian Una sosta obbligata per un the o un aperitivo, un light lunch o un cappuccino, che sia mattina o pomeriggio nel Caffé che esiste dal 1720 e ha visto passare sotto i portici intere generazioni di nobili famiglie, mercanti e viaggiatori. Un luogo iconico che riesce a perdere il cliché turistico grazie all’odore del tempo che aleggia tra i suoi tavoli, tra le sale sontuose e un servizio talmente impeccabile che diventa un vero e proprio rito. Il posto migliore per fare people watching, in assoluto.

Caffé Florian, Piazza San Marco 57

T Fondaco dei Tedeschi Primo indirizzo in Europa di DFS Group, leader mondiale nella vendita di prodotti di alta gamma e rivolta a un pubblico di esigenti viaggiatori internazionali. Dopo il magnificente restauro dell’architetto Rem Koolhaas che ha conservato i passaggi della storia sui muri della struttura che si trova proprio sopra il Ponte di Rialto, il Fondaco dei Tedeschi si ripropone ai visitatori come un emporio di lusso che si snoda su quattro piani e altrettante scale mobili dipinte di rosso come un vero red carpet. Inutile sottolineare le smorfie dei purtisti conservatori, ma tant’è, la scenografia è assicurata. Non solo shopping d’élite, ma anche una chicca: salite in cima e godetevi una vista della città meravigliosa.

Fondaco dei Tedeschi, Calle del Fontego dei Tedeschi, Ponte di Rialto

Palazzo Mocenigo Un palazzo meraviglioso che racchiude effluvi di sontuosi aromi: vale la pena una visita per seguire il percorso del profumo attraverso sale in cui si spiega e si di-spiega un viaggio attraverso Venezia nei secoli tra profumieri e speziali. Possibile organizzare un workshop dove apprendere i segreti della creazione di una fragranza e portarsela poi a casa grazie al kit di The Merchant of Venice

Palazzo Mocenigo, Santa Croce 1992

Boutique V°73 Una piccola boutique che assomiglia ad una bomboniera, colma di borse create dalla designer Elisabetta Armellin, che a Venezia – dove frequenta l’Accademia di Belle Arti – lascia parte del suo cuore e deve la nascita del suo sogno. Nel 2012 crea V° 73: V come Venezia e 73 come il suo anno di nascita. Le sue borse sono ormai iconiche e desiderate da celebrities ed influencer europee ed internazionali.

V°73, Calle Frezzaria

Cantina Vecia Carbonera Un tempo era una vecchia carbonaia, come si evince dal nome, ora è vero bacaro frequentato dai veneziani e studenti, sempre affollato. Cibo squisito e sfizioso e spritz fantastico. Perfetto per l’ora dell’aperitivo o per una cena semplice, ma tipica.

Cantina Vecia Carbonera, Sestiere Cannaregio

Belmond Hotel Cipriani Iconico hotel situato sull’isola della Giudecca e collegato con barca privata a Piazza San Marco. Un luogo da sogno in mezzo a giardini meravigliosi, una piscina olimpionica tra le più belle e scenografiche d’Europa, suite e sistemazioni principesche e, oltre lo stellato Oro, il Cip’s Club, ristorante capitanato dallo chef Roberto Gatto con vista spettacolare sulla laguna e Piazza San Marco dove gustare piatti curati e appetitosi in un ambiente decisamente internazionale. Il Cipriani è uno stile di vita e va vissuto sino in fondo.

Belmond Hotel Cipriani, Giudecca 10