Motori

911 Targa: comodità da coupé e libertà da cabrio

Cesare Lavia
23 gennaio 2014

New-Porsche-991-Targa-m

Al Salone di Detroit 2014 è stato celebrato un grande ritorno: quello della Porsche 911 Targa. Si tratta di un remake in grande stile della Porsche presentata nel 1965, che, a distanza di quasi cinquant’anni, si rinnova, pur mantenendo viva la tradizione.

DIDA VINTAGE

Tre sono gli elementi che contraddistinguono questa bellissima vettura: il lunotto in vetro, il tetto in tela e il roll bar centrale.

Il grande lunotto posteriore, continuo ed avvolgente, si solleva interamente, lasciando completare l’opera di apertura e di chiusura del tettuccio ad altri meccanismi. Gli ingegneri Porsche definiscono questo sistema come “il tetto Targa più innovativo di tutti i tempi”.

2c5082cb-a654-4de1-a574-360a242d8e7d_Targa_Porsche_175

In secondo luogo, rispetto alle precedenti versioni del passato recente, è stato scelto un pratico tettuccio in tela ripiegabile, al posto di quello in vetro.

Il terzo elemento è il vero omaggio diretto alla vettura degli anni ’60 ed è il classico montante posteriore in alluminio spazzolato, che conferisce un unico, forte, impatto visivo, da sempre esclusiva delle carrozzerie Targa.

2014 Porsche 911 Targa

La vettura sarà unicamente a trazione integrale e due saranno i motori: un sei cilindri da 3.4 litri in grado di erogare 350 cavalli (Targa 4) e un 3.8 da 400 cavalli di potenza (Targa 4S).

Grande sorpresa arriva dai dati dei consumi: la casa dichiara un consumo medio variabile tra gli 8,7 e i 10 l/100km, addirittura più basso rispetto a quello della Carrera Coupé, molto probabilmente grazie alle modifiche innovative sulla meccanica e sul peso della vettura.

2014-Porsche-911-Targa-steering-wheel

La 911 Targa sarà in vendita in Italia nei prossimi mesi ad un prezzo di circa 113.000 Euro. La versione più costosa (131.000 Euro) sarà la Targa 4 S, dotata di cambio automatico PDK con doppia frizione, in grado di garantire uno scatto più rapido, grazie al quale si passa da 0 a 100 km in 4,6 secondi e si raggiunge una velocità massima di 294 chilometri orari.

Cesare Lavia


Potrebbe interessarti anche