I nostri blog

A-Abbronzatissima

staff
23 febbraio 2011

 

Or dunque chiaccheriamo di un tema a me carissimo. L’abbronzatura.
Dovete sapere che io sono una di quei soggetti con la pelle non chiara, trasparente. Potete contare le mie vene sul collo e farvi una risata guardando la giugulare che si muove.
Ho passato anche io il mio periodo da teenager dove frequentavo i solarium con lampade e usavo l’auto-abbronzante nella speranza di non sembrare più il fantasmino Camper e assomigliare maggiormente alle mie amiche super-abbronzate. Con scarso successo agli inizi.
Non conto più le ustioni da sovraccarico di raggi uva e uvb, e non conto nemmeno le serate in discoteca dove le mie gambe facevano il pari con il vestitino leopardato, appunto leopardate.
Personalmente mi sono riconvertita ad uno stile di vita più naturale, ovviamente anche per quanto riguarda il mio colorito.
Ho accettato di sembrare la sorella bruttina di Edward di Twilight la mattina appena sveglia, ma ho imparato a prendermi cura della mia pelle e ad aiutarla con un po di trucco.
In sintesi: evitate di riempirvi il viso di terra abbronzante se siete veramente pallide, preferite il vostro colorito naturale, magari aiutate da una passata di blush e un tocco (e dico un TOCCO) di terra solo nei punti giusti.
Per lo schema guardate l’articolo “Faccia da Basquiat”, così non avrete più scuse per uscire e sembrare un oompa-loompa .
Per quanto riguarda l’abbronzatura, niente vieta di prendere il sole in giardino, in montagna o meglio al sole in qualche isola caraibica, MA sempre con la protezione.
Anche se siete di carnagione scura, piuttosto partite da un fattore di protezione più basso delle vostre cugine latee, ma non dimenticatelo mai. La pelle è l’organo più grande del nostro corpo e vi assicuro lo volete mantenere bello e sano.
Non starò qui a parlare degli innumerevoli danni fisiologici della troppa esposizione solare, ma ricordate, come dicono le donne della mia famiglia da generazioni: “NON si prende il sole nei mesi che hanno la erre!”.
Non prendetemi per pazza, questo detto “popolare” ha il suo fondamento di verità! In questi mesi infatti la percentuale di UVA, raggi solari dannosi, è maggiore rispetto agli altri!
Insomma: protezione, blush e POCA terra abbronzante. Questo è tutto quello che vi serve per un colorito sano e bello. 

Ps. Per le gambe mozzarellose c’è sempre la crema idratante colorata e gli spray tan che vengono via con l’acqua senza auto-abbronzante. Un’alternativa sana alle gambe leopardate!

Iashy