Auto

Alfa Romeo ritorna in F1

Matteo Giovanni Monti
5 dicembre 2017

Alfa Romeo assieme al team svizzero Sauber inizia una nuova era grazie al ritorno nel mondiale di Formula Uno.

Settimana scorsa ad Arese, Sergio Marchionne presidente di Ferrari nonché AD della holding FCA Group, ha presentato la nuova monoposto che correrà nella stagione 2018, annunciando: “Un nuovo capitolo della storia della F1 e un evento storico per l’Italia”. Dopo trent’anni di pausa e lontananza dai cordoli ritorna il “Biscione” con una livrea bianca, tettuccio superiore Rosso Alfa e musetto anteriore con logo costeggiato da linee blu. A rivelarla e ad alzare il velo sono stati i futuri piloti: lo svedese Marcus Ericsson e il francese Charles Leclerc.

L’unità propulsiva ibrida è fornita da Ferrari, mentre il telaio dal Team Sauber, grazie ad un accordo pluriennale. Non solo Title Sponsor e partnership commerciale, ma anche tecnica: gli ingegneri dell’Alfa Romeo, che hanno già dato prova delle loro capacità con lo sviluppo dei modelli Stelvio e Giulia Quadrifoglio Verde, non staranno infatti di certo nei box a braccia conserte, ma parteciperanno attivamente per l’intera stagione.

A tal proposito sono state fiere e molto decise anche le parole del rampollo di casa Agnelli: “Basta guardare gli ultimi risultati prodotti al Nurburgring, dati eccezionali nei confronti delle avversarie tedesche – spiega Lapo ElkannÈ la dimostrazione che quando noi facciamo le macchine, le facciamo alla grande e come prestazioni non abbiamo alcunché da invidiare”.

Con la sua presenza e immagine, indubbiamente Alfa Romeo sta restituendo a tutta la F1 uno dei marchi che ha fatto la storia delle quattro ruote e si prepara a trovare proprio in pista il migliore banco di prova per incrementare il suo know how e trasferirlo sulle attuali vetture di serie. Dopo le glorie di un tempo, con la sua partecipazione in F1 dal 1950 al 1988, vuole tornare con un ruolo da assoluta protagonista: il futuro è aperto!


Potrebbe interessarti anche