Fitness & Wellness

Alimentazione e sport

Federico Raffaele Cartareggia
30 marzo 2015

fitness

Un buon allenamento è sprecato se non è accompagnato da un’alimentazione sana e bilanciata. All’alimentazione si attribuisce infatti circa il 70% dei risultati che otterremo in seguito al nostro allenamento. Fondamentale dunque sarà conoscere le proprietà, le funzioni e la composizioni dei micro e macro elementi dei cibi che portiamo sulla nostra tavola.

Essenziale è mangiare alimenti “giusti”, al momento giusto e nei corretti quantitativi. In base agli obiettivi da raggiungere e alle prestazioni sportive che vogliamo ottenere ci si dovrà indirizzare verso un adeguato regime alimentare. Inoltre, è necessario conoscere il proprio metabolismo per sapere quanto “consuma” il nostro organismo e, di conseguenza, conoscere le quantità di cibo da assumere.

Ogni alimento contiene diversi nutrienti in quantitativi variabili ed ogni alimento ha diverse proprietà e vantaggi di cui potremo usufruire. I tre macro nutrienti contenuti negli alimenti sono le proteine (i “tasselli” fondamentali dei nostri muscoli), i carboidrati (vengono utilizzati come fonte energetica dal nostro organismo) e i grassi (servono al nostro fabbisogno energetico, fino a un massimo del 25% della nostra alimentazione in età adulta). Mentre i micro nutrienti sono ad esempio le vitamine, i sali e i minerali.

Una volta apprese le funzioni dei vari micro e macro nutrienti saremo in grado di sapere quando sarà meglio assumerli (in base al loro ruolo, tempistiche di assimilazione), in che quantitativi, e quali alimenti saranno più adeguati in base alle nostre esigenze sportive. Oltre a tutto ciò è importante imparare a leggere le tabelle nutrizionali presenti su ogni prodotto alimentare, per sapere cosa stiamo mangiando e dunque programmare il nostro piano alimentare. Imparare a conoscere gli alimenti e come essi interagiscono con il nostro corpo è un punto cardine, infatti non tutti gli organismi assimilano allo stesso modo i diversi nutrienti.

E’ sconsigliato mangiare cibi semplicemente perché “vanno di moda” e si raccomanda di non seguire assolutamente diete standardizzate e focalizzate sugli stessi alimenti, ma di variare i cibi e di imparare a conoscere quelli che sono più adatti alle nostre esigenze.