Alla “Domenica in” di Mara Venier anche Renzo Arbore e Fiorello!

Rosa Vittoria
26 luglio 2013

venier

“Sono passati esattamente vent’anni dalla prima volta e per me, oggi, tornare a Domenica in è come ritrovare il primo amore:”

Così Mara Venier esordisce nell’intervista rilasciata a Chi nel numero in edicola dal 24 luglio, in cui svela qualche chicca della trasmissione che riprenderà su Rai1 a partire da ottobre. E sono almeno due le novità che “rischiano” di ringiovanire e riconnettere con i tempi moderni un programma come Domenica in, ormai s-formato dai troppi anni di messa in onda – dal 1976, per la precisione. La prima risponde al nome di Renzo Arbore cui dovrebbe essere affidato il compito di celebrare, attraverso il programma, i 60 anni di vita della tv.

“In questo omaggio-amarcord – ha dichiarato Mara a Chi – non potevo prescindere da chi, come Arbore, ne ha fatto la storia. Sarei felice se si ricreasse qualcosa del suo mitico programma “L’altra domenica”. In più, lui è la persona con cui ho vissuto una lunga, importantissima storia d’amore. E gli amori, anche finiti, sono parte della nostra vita”.

Un ritorno al passato quindi, ma non di cocooniana memoria! Mara, infatti, scopre l’altra chicca, quella che strizza l’occhio alle nuove generazioni, alla tecnologia, alla nostra stanchezza distratta per i media tradizionali spesso vuoti ed ottundenti come la televisione o noiosi e di parte come i giornali.

“Oltre all’omaggio alla storia della tv, dovrei avere un bel jolly: Fiorello ha promesso di fare da me, una volta al mese, la sua Edicola“. L’Edicola è diventato il programma culto dello showman siciliano, un esperimento che, nato quasi per scherzo, oltre ad essere diventato l’evento del 2013, ha messo in crisi quella pratica molto diffusa, alla radio e in tv, che si chiama “rassegna stampa”.

Insomma, chi si aspettava che Domenica in fosse il contentino dato alla Venier rischia di essere deluso, poichè questa signora dello “strucca il button” sembra aver già iniziato a spingere i bottoni giusti!

Rosa Vittoria