Advertisement
Fotografia

Alla Galleria Sozzani arriva il Punk made in Britain

Valentina Garola
27 luglio 2016
Jamie Reid, 1977 - ©Jamie Reid /John Marchant Gallery, UK

Jamie Reid, 1977 – ©Jamie Reid /John Marchant Gallery, UK

Correva il 1976 quando i Sex Pistols gridavano “I wanna be Anarchy, in the City”: proprio quarant’anni fa, grazie a loro – e insieme ad altri celebri gruppi quali i Ramones, i Dead Boys e i Clash – nasceva il punk.

In occasione di questo quarantesimo anniversario, la Galleria Carla Sozzani in Corso Como 10, a Milano, ospita fino al 28 Agosto “Punk in Britain”. La mostra raccoglie oltre 90 scatti capaci di raccontare i protagonisti e le atmosfere di questa subcultura giovanile che, dagli ambienti underground londinesi, è stata capace di diffondersi in tutto il mondo rivoluzionando con la sua carica radicale il linguaggio della moda e della musica.

  • Dennis Morris, John Lydon, John Lydon, Marquee Club, Londra 1977 – © Dennis Morris

  • RAY STEVENSON, VIV WESTWOOD, PARIGI, SETTEMBRE 1976 © Ray Stevenson

  • SHEILA ROCK, JOHN LYDON CON UN CAPPOTTO ROSSO, 1978-79 © Sheila Rock Photography

L’esposizione, suddivisa in due parti, presenta gli scatti di Simon Barker (Six), Dennis Morris, Sheila Rock, Ray Stevenson, Karen Knorr, Olivier Richon, insieme a disegni, collage e grafiche di Jamie Reid, oltre ai video e alle fotografie di John Tiberi.

Senza dubbio, gli spunti più interessanti sono quelli forniti da un giovanissimo Simon Barker che, armato di una semplice ed economica macchina fotografica tascabile, è stato capace di immortalare in un vero e proprio album di ricordi quelli che sarebbero diventati i grandi protagonisti del punk nei loro momenti più intimi e quotidiani: le sue sono istantanee di vita che li ritraggono intenti a ridere, scherzare, fumare e chiacchierare nelle loro camere da letto, in cucina o durante i concerti.

DEBBIE JUVENILE, SHOP GIRLS AT SEDITIONARIES, 1977 © Simon Barker

DEBBIE JUVENILE, SHOP GIRLS AT SEDITIONARIES, 1977
© Simon Barker

Tante fotografie firmate da Dennis Morris e Jamie Red mostrano poi i Sex Pistols – ed in particolare Johnny Rotten e Sid Vicious – fin dai lor primi esordi. Insieme a loro, tantissimi fan come Siouxsie Sioux, Jordan, Debbie, Billy Idol, Soo Catwoman e Adam Ant, che formavano il “Bromley Contingent”, il gruppo che seguiva la band in ogni situazione. Su tutti spiccano due inimitabili come Malcom Mc Laren, il vero ideatore dei Sex Pistols, e la sua compagna Vivienne Westwood: è anche e soprattutto grazie a loro, e al negozio che possedevano, SEX, che il punk divenne una moda, influenzando con la sua carica provocatoria e sovversiva, con quel desiderio prepotente di rispondere in maniera fresca e spontanea ai rigori della grande depressione inglese, la storia del costume.

All’epoca nessuno avrebbe mai detto che una parola come punk, che originariamente significava “da due soldi”, un giorno avrebbe descritto un’epoca.

Punk in Britain
dal 12 giugno al 28 agosto 2016
Galleria Carla Sozzani
Corso Como 10, Milano
Orari: tutti i giorni, 10.30 – 19.30; mercoledì e giovedì, 10.30 – 21.00


Potrebbe interessarti anche