Advertisement
Destinazioni

Andar per borghi

Barbara Micheletto Spadini
19 settembre 2013

andar per borghi

Che sia un week end o una gita in giornata, che cosa c’è di meglio di una fuga in uno dei numerosi borghi storici italiani? Immergetevi nell’arte e nella cultura, approfittando dell’offerta artistica e culturale sempre più ampia.

San Gimignano è un’ottima destinazione gastronomica, non a caso è tra le città del bio, del vino e dell’olio. Tra le attrazioni da non perdere la Torre Grossa, la più famosa tra quelle che “decorano” lo skyline di San Gimignano, il Duomo e la famosa Piazza della Cisterna.
Per dormire: situato nella campagna toscana, a 4 km da San Gimignano, l’Agriturismo Mormoraia vanta una piscina all’aperto con vasca idromassaggio, un vasto vigneto, un parcheggio gratuito e camere arredate in stile rustico con connessione Wi-Fi.

Assisi è una vera e propria oasi verde, caratteristica per la quale le è stato assegnato lo scettro di “città più green”. Da non perdere, ovviamente, i luoghi legati alla vita di San Francesco e Santa Chiara: la Basilica di San Francesco, quella di Santa Chiara e l’Eremo delle Carceri.
Per dormire: il Nun Assisi Relais & Spa Museum gode di una vista panoramica sulla città e sul Monte Subasio. Vanta un centro termale ricavato da scavi romani e dispone di camere personalizzate nell’arredamento, con mobili di design.

Gubbio è ricca di bellezze naturali e tesori d’arte dove storia, cultura e paesaggio convivono in una simbiosi armonica. Accanto a centri storici di straordinaria bellezza e suggestione che conservano testimonianze eccellenti dell’epoca medievale, offre una natura con ambienti incontaminati e produzioni artigianali artistiche che testimoniano la maestria secolare di una consolidata abilità. Da non perdere il Palazzo dei Consoli e la Basilica di Sant’Ubaldo, oltre alla Festa dei Ceri, antica manifestazione storico-culturale che affonda le sue radici nel XII secolo e si tiene ogni anno il 15 maggio.
Per dormire: situato nel centro storico di Gubbio, il Relais Ducale è la dependance del Palazzo Ducale e si trova vicino alla Cattedrale, al Palazzo dei Consoli e alle chiese storiche. Il Relais Ducale presenta camere e suite con arredi d’epoca.

Alberobello è una tra le destinazioni più caratteristiche da un punto di vista artistico e culturale. Il motivo è presto detto: i Trulli. Tra le attrazioni da non perdere infatti ci sono la Chiesa di Sant’Antonio (a forma di Trullo) e il Trullo Sovrano, il più grande della città. Chi visita Alberobello non deve farsi sfuggire un tour gastronomico per assaporare i prodotti tipici locali.
Per dormire: Il resort Le Alcove vi permetterà di sperimentare un’insolita combinazione di servizi moderni e pietra antica offrendovi di soggiornare nei tradizionali trulli che sorgono nel cuore di Alberobello.

Perché visitare Noto? Ottima per il mare, la cittadina in provincia di Siracusa vanta un invidiabile patrimonio artistico e culturale. Noto è, infatti, uno dei centri di maggiore sviluppo del Barocco Siciliano, indicato come la principale attrazione della città. Da non perdere anche la gastronomia, considerata un fiore all’occhiello del paese e la tradizionale infiorata di maggio, unica nel sua genere, durante la quale le strade vengono ricoperte da petali di fiori colorati, ricreando elaborati e suggestivi disegni.
Per dormire: Situato a soli 2 minuti a piedi dalla cattedrale barocca di Noto, il Domo Triskele dispone di camere climatizzate con pavimenti originali del XVIII secolo, letti in ferro battuto e mobili d’epoca.

Barbara Micheletto Spadini

Credits: paesionline.it


Potrebbe interessarti anche