Fashion

Andrea Pompilio

Alberto Corrado
21 giugno 2014

Un giovane anticonformista, figlio di genitori borghesi, che cerca di esprimere la sua identità rifiutando gli schemi dell’ambiente in cui è cresciuto.
Nello stile quest’atteggiamento si traduce in una sorta d’iconoclasmo, che sbeffeggia il guardaroba tradizionale con una serie di trovate astute. La classica camicia in popeline è traforata da tanti occhielli-oblò, anelli di metallo come dilatatori per lobi in grande scala. Le iniziali ricamate, vezzo di sartorie d’antan, qui diventano lettere macroscopiche in spugna. Il trench e il completo? Spesso in denim, per suggerire una nuova contraddizione in termini: alto e basso, formale e workwear fusi nello stesso look. Singolare, poi, il trattamento degli orli; sfumano in una porzione di plissé, che ricorda vagamente un kilt. Premessa al gioco di sovrapposizione, di lunghezze e volumi, piuttosto ricorrente nella serie. Un lembo di tessuto, come una cinghia militare, serra la giacca ai fianchi.
Gli accessori enfatizzano il mood irriverente della collezione: calzini a coste tagliati che lasciano intravedere le dita, sono abbinati a ciabatte di pelle.
Per la prima volta l’uomo Pompilio indossa occhiali da sole che portano la firma del designer: lenti oversize sono incorniciate da una spessa montatura aviator che è l’unione di due modelli tagliati e plasmati insieme.


Potrebbe interessarti anche