Lifestyle

Aree, numeri, brand: 5 cose da sapere sul nuovo CityLife Shopping District

Martina D'Amelio
31 ottobre 2017

Aprirà i battenti a Milano solo il prossimo 30 novembre, ma il nuovo CityLife Shopping District fa già parlare di sé. La location, i numeri, i brand: ecco tutte le anticipazioni su quello che sarà il più grande centro commerciale urbano d’Italia.

1- La location. Progettato dallo studio Zaha Hadid, il mall nato dalla partnership siglata a novembre 2015 da Generali Real Estate (società controllata al 100% dal Gruppo Generali) con Sonae Sierra (la società incaricata di gestire la commercializzazione dello Shopping District) è la scommessa per rendere l’ex area della Fiera di Milano sempre più viva. CityLife Shopping District infatti sorgerà proprio qui e rappresenta solo l’ultimo step del lungo progetto CityLife di riqualificazione dell’intera zona, avviato 10 anni fa.

2- Le aree. CityLife Shopping District è il baricentro di questo nuovo forte polo di attrazione per Milano e si preannuncia come il maggiore distretto urbano dedicato allo shopping a livello italiano. Il nuovo hub si compone di oltre 30mila metri quadrati di destinazione commerciale articolati in 3 aree unite tra loro pedonalmente: la galleria commerciale su due livelli (The Mall), la grande piazza centrale (The Square) e l’asse pedonale scoperto (The Street) progettato dallo Studio Mario Galantino, che si snoda da Piazza VI Febbraio fino a Piazza Tre Torri con un porticato sui due lati.

3- I numeri. 32mila metri quadrati e 100 unità, tra cui 80 negozi (ben 50 sono i brand previsti nell’area moda e accessori), 20 bar e ristoranti, un supermercato gourmet, un cinema multisala “CityLife Spaziocinema” da 1.200 posti e 7 sale (in partnership con Cinema Anteo), un’area salute e benessere con palestra e spazi fitness, un ambulatorio Centro Diagnostico Italiano, dagli 800 ai 1.000 posti di lavoro e quasi 2mila parcheggi tra pubblici e privati, rivolti a un bacino di utenza di 700mila persone: questi i numeri di CityLife Shopping District. L’intero progetto CityLife ha richiesto in totale un investimento complessivo di circa 2 miliardi di euro e si estende su oltre 360mila metri quadrati comprendenti, oltre all’area commerciale, tre grattacieli a uso ufficio (con 7mila dipendenti operativi da qui al 2019), due complessi residenziali con 530 appartamenti e un parco che, una volta terminato entro novembre, con i suoi 178mila mq sarà il secondo più grande della città.

4- I brand di moda. Su un totale di 50 brand previsti per l’area moda e accessori che occuperanno il secondo piano del Mall progettato dallo studio Zaha Hadid, alcuni nomi sono trapelati proprio in queste ore (su FashionMagazine). Pochissimi marchi low-cost, tanti campioni del Made in Italy e label americane: Sonae Sierraha voluto puntare su un livello premium ma comunque accessibile, guardando da vicino al target delle persone che abitano e lavorano nella zona. Un’idea condivisa dall’ad di CityLife Armando Borghi, fondamentale per rendere vitale il nuovo quartiere grazie a un’offerta che vuole essere soprattutto variegata.

Tra i negozi si annoverano Marella e Max&Co., seguiti da ImperialPiquadro, Beatrice B, Valerio 1966, Paolo Tonali; e poi Tommy HilfigerGuessCalvin Klein JeansLevi’s e Timberland. Un’area shopping che andrà a fare concorrenza alla vicina e rinomata Corso Vercelli: tra i brand che apriranno all’interno del distretto alcuni sono già presenti proprio lì, come Incontri, il multimarca che per il debutto a CityLife lancerà un nuovo concept store. Per i bambini arriverà il multibrand Sophie4Kids, mentre tra i marchi low-cost invece ci sarebbe Ovs, con una superficie di vendita di 700 metri quadrati; tra quelli sportivi, Foot Locker.

5- Gli altri brand. Tra i cluster che caratterizzano il distretto, oltre allo spazio destinato allo shopping, ci sarà anche un’area interamente dedicata al food, con 20 tra bar e ristoranti all’interno e all’esterno. Tra questi si annoverano Vivo (ristorante di pesce al debutto a Milano), Cioccolatitaliani, BomakiSvinazzando, East River, Pizza Italiana EspressaPanini DuriniPanino Giusto, California Bakery, VenchiThat’s VaporeThe Meatball Family. Completerà l’offerta alimentare un Carrefour Market gourmet. E i nomi da svelare sono ancora molti: tra i brand di design e tecnologia che occuperanno la promenade all’aperto, vi sarebbero Dyson, DJI, Huawei, Habitat, Democracy Design e Moleskine, mentre tra le insegne beauty, salute e fitness ci sarebbero, oltre a Centro Diagnostico Italiano, Virgin Active, Centro Salus, Deborah, Il Barbiere, Juneco, Nashi Salon, Profumeria Desirée e Trilab Hair Shop.


Potrebbe interessarti anche