Advertisement
Leggere insieme

Arriva la mamma!

Marina Petruzio
13 agosto 2017

Molti sono ormai gli albi che arricchiscono la fortunata Sottosopra – collana di libri per bambine e bambini – contro gli stereotipi di genere, lanciata qualche tempo fa da Giralangolo editore. E Arriva la mamma!, dell’americana Kate Bank, con le illustrazioni a pastello del polacco Tomek Bogacki, ne fa parte a pieno titolo!

Qui i ruoli si scambiano con uguaglianza e serenità: c’è una mamma che lavora lontano da casa, in città, e un papà che bada a tre bimbetti colorati, cane e gatto, con…sorpresa finale!

Un albo che, come molti film, racconta di persone che vivono giornate distinte, con impegni, lavori differenti, problemi quotidiani, la famiglia e, passando da una scena all’altra, da una vita all’altra, tessono momenti che solo alla fine confluiranno in una sola vita, assieme. Quando spesso il film finisce e sta a te pensare a una nuova narrazione che questa volta comprenda tutte le parti.

Così, a più piani, è scritto e illustrato Arriva la mamma! Dove sulla pagina sinistra viene narrata la vita di un papà e di tre bambini e sulla pagina di destra quella di una mamma, smarginando un po’, a volte tanto, a volte poco, sia l’una che l’altra, quando serve alla narrazione aprire un po’ di più il campo all’interno, che sia domestico o cittadino, della vita dell’una o degli altri, partecipando al lettore le emozioni del momento e per ricordare che quelle due vite sono strettamente collegate, si guardano dalle pagine. Il testo, in nero, racconta di ciò che accade in coloratissime illustrazioni a pastello, mentre in arancione come un mantra, un desiderio da ripetere perché si avveri al più presto, un qualcosa che dà ebbrezza, la frase La mamma sta tornando a casa. Sino all’epilogo finale quando la mamma sarà prima alla porta e poi finalmente a casa!

La storia è raccontata con semplicità, poco testo assecondato dalla grande vivacità e dinamismo delle illustrazioni creano nello spazio di alcune pagine una trepidante e giocosa attesa anche nel lettore. E se un attimo prima era tutto calmo, mano a mano che seguiamo il telefono che trilla, l’orologio che segna le 18, la mamma che annuncia il suo arrivo e chiude la saracinesca del negozio di animali dove lavora avviandosi frettolosa in una città agitata dalla voglia e dalla frenesia del ritorno a casa, anche lì la situazione si complica. La mamma sta tornando a casa. Se prima i bambini giocano sereni nella propria camera, basta un nonnulla di pagine che succede un parapiglia reso particolarmente assordante dalla lite classica tra cane e gatto sollecitata dal litigio tra i bambini. La mamma sta tornando a casa. Si crea un vortice così nel racconto dove parole e immagini si inseguono in circolo rumorose così fuori e sulla mamma che, arrivata a piedi alla metropolitana, scende in stazione dove il treno si muove lento e gremito di persone, per essere sorpresa all’arrivo da un rombante e turbinante temporale. La mamma sta tornando a casa.

Il papà fatica a riportare l’ordine, tanto quanto la mamma che affretta il passo stanca e ormai bagnata infreddolita da vento e acqua battente.

Dentro la luce è calda, tre testoline attendono di veder spuntare la mamma da un momento all’altro, il calore del forno e il profumo della pizza alla salsiccia cucinata da papà rasserenano e riempiono la casa di una serena armonia.

Ecco, la mamma è alla porta…

 

 

Arriva la mamma!
scritto da Kate Banks e illustrato da Tomek Bogacki
traduzione Luisella Arzani
edito Giralangolo
collana Sottosopra
euro 13,50
età di lettura: per tutti!


Potrebbe interessarti anche