Advertisement
News

Arriva So Milano, la boutique da condividere

Martina D'Amelio
30 luglio 2016
Il corner dedicato a J.W Anderson nello shop Dover Street Market di Haymarket a Londra. Come sarà quello ospitato all’interno di So Milano?

Il corner dedicato a J.W Anderson nello shop Dover Street Market di Haymarket a Londra. Come sarà quello ospitato all’interno di So Milano?

Uno spazio che ospita di volta in volta stilisti diversi, possibilmente dall’appeal internazionale e dal potenziale inespresso: debutta a settembre So Milano, la boutique che punta su chi una fetta di mercato in Italia ancora non ce l’ha, offrendogli un monomarca temporaneo (in condivisione).

L’idea controcorrente è di Aldo Carpinteri e Giordano Ollari, rispettivi titolari degli store Stefania Mode di Trapani e O’ di Parma, che insieme hanno creato un negozio che va oltre la tradizionale idea di retail. Multibrand o monomarca? Nessuno dei due: la speciale formula di So Milano prevede marchi sempre nuovi, ma a rotazione. A settembre, proprio prima dell’inizio di Milano Moda Donna, si parte con lo stilista J.W Anderson, seguito a breve distanza da Victoria Beckham.

Due eccellenze americane difficili da reperire negli store della nostra Penisola, che divideranno lo spazio di 300 metri quadrati e ben 14 vetrine, sito in piazza Risorgimento, all’angolo con via Calvi, per un tempo imprecisato. Nelle intenzioni dei due promotori sarebbero almeno 8 le label che nell’arco di un anno dovrebbero approdare nell’originale boutique, progettata da Roberto Baciocchi. Quel che è certo è che il negozio condiviso, in epoca social, farà di certo parlare di sé.


Potrebbe interessarti anche