Auto

Arriva UGO: l’app di guidatori sostitutivi a due passi da te

Francesco Costa
23 agosto 2016

copertina-ugo

Quante volte capita di andare al ristorante, bere un bicchiere di vino di troppo con gli amici e non trovare nessuno disposto a guidare al ritorno? La soluzione c’è e si chiama UGO!

Si tratta di un’app creata da cinque ragazzi milanesi che mette a disposizione degli utenti una rete di guidatori sostitutivi o accompagnatori.

Non un servizio taxi o di carsharing: gli autisti UGO, riconoscibili dal tipico papillon azzurro, utilizzano l’auto di chi ha bisogno del loro aiuto per svolgere il loro lavoro. Non solo festaioli, ma anche anziani, disabili, non vedenti o chiunque che, per qualsiasi motivo, non riesca a mettersi alla guida.

L’idea è nata da Alessandro Zaccaria, ingegnere gestionale del Politecnico di Milano, che durante un periodo di studi in Corea del Sud ha conosciuto il servizio – che in questo Paese ha un’ampia richiesta – e l’ha adattato alle esigenze italiane. Avvalendosi dell’aiuto di Michela Conti e Matteo Ganassali ha dato vita all’”esercito” degli UGO. Il loro profilo? Giovani dai 23 ai 45 anni, con almeno 3 anni di esperienza di guida e 20 punti sulla patente.

Il progetto, che sta avendo molto successo, è stato realizzato in collaborazione con Polihub, l’incubatore del Politecnico, e Fabriq, l’iniziativa di innovazione sociale del Comune di Milano. Anche gli investitori privati hanno fatto la loro parte, sostenendo UGO “con un round di finanziamento che ci ha permesso il lancio su Milano e il futuro ampliamento su Roma, ma sono diventati parte integrante del team e ci supportano con il proprio sapere e la loro grande esperienza nelle scelte e nelle strategie che ogni giorno mettiamo a punto”, spiega Alessandro.


Potrebbe interessarti anche