Ricette

Asparagi bianchi al burro nocciola, uova di quaglia e crumble di grana padano

Raffaella Mattioli
20 aprile 2017

Ne sono golosissima ed ora che è iniziata la stagione per me è una festa! Questa volta vi propongo gli asparagi bianchi di Bassano, molto gustosi e aromatici, in una ricetta facile facile, ma saporitissima: al burro nocciola, uova di quaglia e crumble di grana padano.

Ingredienti per 4 persone:
Dipende dalla dimensione degli asparagi, se di media pezzatura ne considero 8/10  a testa
8 uova di quaglia
70 gr. di bacon affumicato a dadini
Burro, sale e pepe bianco q.b.
Aceto bianco q.b.
Per il crumble:
30 gr. di grana padano, 30 gr. di farina, 30 gr. di burro

Tempo di preparazione: 30 minuti circa

Procedimento:
Per prima cosa preparate il crumble impastando il burro ammorbidito con la farina e il grana padano grattugiato. Formate una palla, avvolgetela con la pellicola e mettetela in frigorifero per mezz’ora.
Pulite gli asparagi, eliminate la parte legnosa e fateli cuocere a vapore per circa 10 minuti.
Nel frattempo in un padellino sgrassate il bacon.
Togliete il crumble dal frigorifero, sbriciolatelo su una placca da forno ricoperta di carta oleata ed infornate a 180° fino a doratura (10 minuti circa).
In una padella grande fate sciogliere una dose abbondante di burro fino a quando raggiunge una colorazione ambrata (nocciola) aggiungete quindi gli asparagi e ultimate la cottura a fuoco lento irrorandoli con il burro.
In un pentolino portate ad ebollizione l’acqua, aggiungete un cucchiaio di aceto di vino bianco, abbassate il fuoco, formate dei piccoli vortici e rompetevi le uova di quaglia, a 2 a 2 e con delicatezza fate in modo da formare delle piccole uova in camicia.
Servite quindi gli asparagi con il burro (dopo averli salati e insaporiti con il pepe) adagiandovi sopra le uova di quaglia (2 a porzione), spolverandoli quindi con il crumble di grana padano e decorandoli con il bacon croccante.

Vino consigliato:
Un meraviglioso Friuliano, come quello di Doro Princic: fine e rotondo con sentori di mandorla ed erbe di campo.


Potrebbe interessarti anche