Fashion

Aspettando Pitti Bimbo 74

staff
27 novembre 2011


Per tutti gli esperti nel campo del childrenswear è un appuntamento fisso. Per i compratori è un’occasione per conoscere le nuove tendenze in anteprima. In ogni caso siamo sicuri che anche questa volta i visitatori di Pitti Bimbo, vetrina internazionale della moda dedicata ai più piccoli ormai giunta alla 74esima edizione, saranno moltissimi (la scorsa edizione invernale aveva toccato quota 10.000 ospiti).
Nella suggestiva cornice di Fortezza da Basso a Firenze, dal 19 al 21 gennaio 2012 saranno ben 47.000 i metri quadrati a disposizione degli espositori: i marchi che presenteranno le novità per l’autunno-inverno 2012/2013 sono infatti 510, tra i quali 200 provenienti dall’estero. Moltissime le riconferme, ma anche i nuovi ingressi: tra questi l’italianissimo brand Dondup e i francesi di Zadig & Voltaire, l’eclettica Swarovski Elements, e poi Aston Martin, Thun, Bark, Fingers in the Nose, Maison Gabrielle, Jucca, Fendi-Inglesina, Doralice, Nanàn.
L’estrema varietà dei brand proposti, che rappresenta appieno la poliedricità del mondo della moda bimbo, sarà organizzata in 8 tappe: la sempreverde sezione di Pitti Bimbo, un viaggio all’insegna dell’eleganza e della tradizione percorso attraverso i nomi dei maggiori marchi, con un’attenzione particolare agli accessori e al neonato; uno spazio riservato all’activewear nella sezione Sport Generation; Superstreet, dedicato al denim, all’urban couture e al design; l’avanguardia pensata appositamente per i buyers più esigenti di Apartment; il minimalismo contemporaneo e di impronta luxury delle proposte New View e la moda bimbo ecosostenibile nella sezione Ecoethic.
Infine, si riconfermano fondamentali i Pop Up stores (protagonisti questa volta Le Pandorine, Richard Ginori 1735, The Original Baby Banz, “Alla Corte del Re” by Nobile 1942, The Mua Mua Dolls e molti altri) e gli eventi, tra cui le sfilate, organizzate all’interno della Fortezza da Basso (e non solo). Versace Young riconferma l’elegante cocktail a Palazzo Corsini, già tenutosi in occasione dell’edizione estiva di Pitti bimbo 73; e tra i protagonisti di queste occasioni speciali troviamo Miss Blumarine, Ice Iceberg, I Pinco Pallino, Blauer, Byblos, C.P. Company, Fracomina Mini, Elsy, Fun Fun, Silvian Heach, Miniconf, Miss Grant, Ronnie Kay, Woolrich Kids e l’atteso Swarovski Elements.
Anche quest’anno avrà un ruolo importante il concorso Who is on next? BIMBO, il contest sponsorizzato da Pitti Immagine con la collaborazione di Altaroma e Vogue Bambini, lanciato per la prima volta durante la scorsa edizione invernale. Chi tra i nuovi talenti della moda bimbo vincerà la possibilità di presentare la propria collezione a un pubblico di stampa e buyers altamente selezionati, sulle orme di Josiane Strocchi Fabiani (progetto “Tarte Tatin” per il prêt-à-porter) e Michela Grassetti (progetto “I kakarini” per gli accessori), vincitrici della prima edizione? Gli 8 marchi finalisti in gara sono Du-Dù, Barbara Lachi, Bubino – Fatto con Amore in Italia, Ediemma Snc Fashion For Kids, Peridea, Le troisieme songe, Vichi e Scarabocchi di Patipò, e non possiamo che augurargli che vinca il migliore.
E per i meno fortunati, rimane l’enorme occasione di partecipare alla più grande vetrina internazionale aperta sul mondo del childrenswear, un settore in lenta ma progressiva crescita, capace di scovare nuove tendenze e stili al pari della cosiddetta moda “adulta”. Una vetrina che non tira già le saracinesche il 21 gennaio ma rimane aperta sul web grazie alla piattaforma online e-Pitti.com, un temporary showroom virtuale all’interno del quale le aziende avranno la possibilità di continuare i rapporti con i buyer selezionati.
Una vetrina destinata a spostarsi da Firenze alle boutique di tutto il mondo.

 

Martina D’Amelio


Potrebbe interessarti anche