Letteratura

Assaggi letterari: buon Natale con Truman Capote!

staff
25 dicembre 2011


Questo Natale Luuk Magazine vuole farvi un piccolo regalo: un assaggio letterario perfettamente a tema, tanto per addolcirvi la festa e donarvi qualche attimo spensierato dopo il pranzo natalizio.

Ecco le prime pagine di quello che in America è già da tempo un classico: “Ricordo di Natale” di Truman Capote, ripubblicato il mese scorso da Donzelli (traduzione di Maurizio Bartocci). L’editore ha voluto ulteriormente impreziosire il volume corredandolo con gli originali disegni dell’artista americana Beth Peck (visibili nella gallery).

 

Il racconto è uno dei tre pubblicati nel 1958 nel volume dal titolo “Colazione da Tiffany” – un romanzo breve e tre storie. Il libro consacrerà definitivamente Capote come indiscusso talento della letteratura americana contemporanea.
Lo spunto è autobiografico, uno scampolo candido dell’infanzia dell’autore. Buddy, sette anni, non ha nessuno al mondo, tranne quella burlona di sua cugina Sook, che invece di anni ne ha  più di sessanta. Buddy, Sook e la dolce cagnolina Queenie si vogliono un gran bene e ogni anno, quando si avvicina Natale, festeggiano con un rituale tutto loro. Questo che viene raccontato è l’ultimo, incantato, ricordo che potranno condividere: la preparazione del panfrutto, trenta torte con noci, cannella, zenzero e zucchero da regalare alle persone che, in qualche modo, si sono fatte ricordare nella loro vita. Una viene inviata persino a Mrs Roosvelt.
Leggerezza sognante, calda partecipazione e poi struggente rimpianto, vengono evocati da questa storia senza tempo. Un magico scorcio della memoria che andrà a fare parte della tradizione natalizia di grandi e piccini, se avrete la tenerezza di far loro questo regalo.

 

Dunque sedetevi, con la pancia piena ed il cuore aperto alla bontà natalizia, e leggete, raccontate e condividete con chi vi sta a cuore questo piccolo capolavoro invernale.

 

Immaginate una mattina di fine novembre. Una di quelle mattine che preannunciano l’inverno, più di venti anni or sono. Provate a figurarvi la cucina di una vecchia e immensa casa di campagna. A dominare l’ambiente c’è un’enorme stufa nera, ma ci sono anche un grosso tavolo rotondo e un camino con due sedie a dondolo davanti. Proprio oggi il camino ha inaugurato il suo ruggito stagionale.


Una donna dai capelli bianchi e corti è in piedi davanti alla finestra. Calza scarpe da tennis e indossa un maglione grigio sformato sopra un vestito estivo di cotonina. È piccola e vispa come una gallinella, ma pietosamente ingobbita da una lunga malattia giovanile. Ha un viso niente affatto comune, che ricorda quello di Lincoln: stessi lineamenti marcati, segnato dal sole e dal vento; ma anche delicato, con le ossa minute, gli occhi timidi e color dello sherry.
«Perbacco – esclama, appannando con il fiato il vetro – è proprio tempo da panfrutto!».


La persona con cui parla sono io. Ho sette anni; lei ha superato i sessanta. Siamo cugini, molto alla lontana, e viviamo insieme da… be’, da che io ho memoria. In casa ci abitano altre persone – parenti; e anche se hanno potere su di noi, e ci fanno spesso piangere, noi, in fondo, la loro presenza neanche la sentiamo troppo.
Io e lei siamo amici per la pelle. Lei mi chiama Buddy, in memoria di un ragazzino, suo amico del cuore in un tempo passato. L’altro Buddy è morto tra il 1880 e il 1890, quando lei era ancora
bambina. E bambina è rimasta.

 

«Me lo sentivo ancor prima di aver messo piede giù dal letto», mi dice voltandosi dalla finestra con un’espressione risoluta ed euforica negli occhi. «I rintocchi della campana del tribunale erano freddi e nitidi. E non si sentiva cantare un uccello; sono volati tutti nei paesi caldi, certo. Oh, Buddy, smettila di abbuffarti di biscotti e va’ a prendere la nostra carrozzina. Aiutami a trovare il cappello. Abbiamo trenta torte da preparare!».

 

 

Il resto vi aspetta in libreria….Buon Natale!

 

Virginia Grassi

 

“Ricordo di Natale” di Truman Capote, con illustrazioni di Beth Peck, Donzelli Editore, traduzione di Maurizio Bartocci, pp. 58.


Titolo originale: A Christmas Memory
Text copyright © 1956, copyright renewed 1984 by Truman Capote
Illustrations copyright © 1989 by Beth Peck
This translation published by arrangement with
Random House Children’s Book, a division of Random House, Inc.
Edizione italiana illustrata © 2011 Donzelli editore, Roma, via Mentana 2b


Potrebbe interessarti anche