Cinema

Atomica Bionda: una James Bond al femminile

Michela D'Agata
10 agosto 2017

Charlize Theron e James McAvoy sono protagonisti di Atomica Bionda, insolito action-thriller diretto da David Leitch e adattato dal graphic novel The Coldest City di Anthony Johnston ed illustrato da Sam Hart, in uscita nei cinema il 17 agosto.

L’atomica e platinatissima bionda di nome Lorraine, interpretata dalla sensuale attrice sudafricana,  è un’abile spia al servizio della corona britannica. Siamo nei frenetici giorni che precedono il crollo del muro di Berlino ed un agente dell’MI6, in possesso di un importantissimo documento contenente le identità di tutte le spie in incognito nella capitale tedesca,  viene misteriosamente ucciso. Lorraine sarà inviata sul posto per far luce sull’accaduto e recuperare il documento andato perduto insieme al collega. Sarà affiancata nella sua indagine dal capo dell’intelligence tedesca David Percival, interpretato da uno straordinario James McAvoy.

La bionda e glaciale protagonista, aiutata da non pochi bicchieri di vodka, dovrà  portare a termine la missione prima dell’imminente crollo del muro, districandosi tra innumerevoli  difficoltà: spie, doppio/triplo/quadriplo-giochisti, ulteriori misteriosi omicidi e pericolose rivolte.

Lo scenario estremo dato soprattutto dal delicato momento storico in cui è ambientata la pellicola è un ingrediente essenziale per la narrazione e  viene giustamente  sfruttato a pieno dal regista David Leitch. Charlize Theron veste perfettamente i panni stilizzati di una James Bond in tacco 12, con tanto di combattimenti a mani nude e bollenti scene lesbo con un’affascinante spia francese interpretata da Sofia Boutella.

L’attrice ha recentemente rivelato che per il ruolo ha voluto mettere alla prova il proprio fisico sottoponendosi ad una durissima preparazione atletica con ben 8 personal trainer per poter fare a meno di controfigure anche per le scene più pericolose.

Anche la colonna sonora degna di nota, composta da hit degli anni ‘80/90, é in linea con l’ambientazione del film: si va da “Personal Jesus” dei Depeche Mode a “Cat People” di David Bowie passando per “Father Figure” di George Michael e “London Calling” dei The Clash.


Potrebbe interessarti anche