Advertisement

Auguri Mamme!

Patrizia Eremita
11 maggio 2014

1

“Fare la mamma, il mestiere più difficile al mondo…”

È arrivata anche quest’anno la festa della mamma, occasione che si celebra in tutto il mondo, ma in diversi momenti dell’anno.

La versione moderna della festa della mamma ha le sue origini negli Stati Uniti quando si vennero a creare dei gruppi di madri i cui figli avevano combattuto nella guerra civile. La data americana è stata formalizzata nel 1914 dal presidente Woodrow Wilson, e compie quindi oggi i suoi primi cento anni.

L’11 maggio è stato scelto dopo una campagna portata avanti da una donna di nome Anna Jarvis, la cui madre morì nel maggio del 1907.

Jarvis ha poi mostrato dissenso per la commercializzazione della ricorrenza e pare abbia trascorso l’ultima parte della sua vita cercando di rimuoverla dal calendario.

Ma veniamo a noi e alla nostra voglia di festeggiare la mamma, quella donna speciale che ci dedica attenzioni. Sapevate qual è il Paese dove essere madri è più facile? La Finlandia. È quanto emerge dal quindicesimo rapporto sullo stato delle madri nel mondo, pubblicato da Save the children in occasione della festa della mamma: una classifica per capire quali siano i Paesi nei quali lo stato di salute, il livello di istruzione, le condizioni economiche, politiche e sociali sono tali da garantire il benessere delle mamme e dei loro figli.

2

La Finlandia si conferma in testa per il secondo anno consecutivo: un’attenzione verso mamme e bambini, quella che c’è nel Paese nordico, che inizia fin dalla nascita con l’arrivo della “scatola maternità”, una dotazione per la mamma e il suo bambino che è solo l’inizio di una serie di servizi e dotazioni che verranno poi man mano dedicate alle Mamme.

In fondo alla classifica troviamo, invece, tutti paesi sub-sahariani: in coda la Somalia, preceduta dalla Repubblica democratica del Congo e, a pari merito, da Niger e Mali, dove la salute materna e rischio di morte per parto, benessere dei bambini e tasso di mortalità entro i cinque anni, grado di istruzione, condizioni economiche ecc. sono davvero lontane dalla decenza.

Proprio nell’ottica di migliorare lo stato di cose per quanto riguarda la qualità dei primi mesi di vita dei neonati è partita, nel 2010, la campagna “Change the life, change the future” che punta a diffondere la consapevolezza dell’importanza dei “mille giorni”, il periodo che va dall’inizio della gravidanza al secondo compleanno del bambino.

Regaliamo solitamente fiori, DIY o meravigliose torte alla Mamma, ma sarebbe davvero bellissimo poter regalare a tutte le mamme del pianeta maggior dignità, sia che queste vivano in Italia, Finlandia o Somalia.

Auguri Mamme!

Patrizia Eremita
www.mammaelavoro.it