Destinazioni

Aurora boreale, la danza delle luci del Nord

Federico Sigali
23 gennaio 2016

1024px-Polarlicht_2-WIKIPEDIA

Inizia ora il periodo migliore per assistere a uno dei più spettacolari fenomeni naturali della terra. L’aurora Polare (Boreale o Australe, a seconda dell’emisfero in cui si verifica) trova infatti i suoi picchi di iridescenza proprio nei mesi di Febbraio e Marzo, periodo che porta all’equinozio di primavera. Nonostante non sia possibile prevedere con certezza il dove, il quando e lo stesso se si verifichi o meno, trovarsi nel posto giusto durante i prossimi due mesi da buone chance di poter ammirare questo fenomeno ottico che dalla notte dei tempi affascina le popolazioni del Nord.

Ma cos’è l’aurora Polare? Tecnicismi da scienziato a parte, questo fenomeno si verifica quando delle particelle sparate dal sole durante le eruzioni solari entrano a contatto col campo magnetico terrestre, interagendo con l’atmosfera. Ed è così che parte questa danza di luci, chiamata da alcuni anche vento notturno del Nord per via del movimento fluido e ritmico dei bagliori.

Aurora_boreale- CASADELLE LAMPADINE

Chiunque abbia avuto la fortuna di assistere a questa pièce, estremamente teatrale, che Madre Natura ha voluto creare, la racconta come un miraggio nella notte. I luoghi isolati, lontani dalle luci artificiali, sono i posti migliori per osservarla al massimo della sua lucentezza, ma soprattutto sono i più suggestivi: voi, il nulla attorno, ed un cielo dai mille colori!

Quello che conta soprattutto è però la latitudine. Caratteristica del paesi nordici in generale, l’Aurora Boreale si manifesta al suo pieno solo in alcuni luoghi designati. Primi fra tutti la Norvegia del Nord (Tromsø, Alta, Svalbard e Finnmark), le Isole Faroe, l’Alaska e la Groenlandia. Anche le Highlands Scozzesi, la Finlandia e l’Islanda sono però ottimi posti dove ammirarla. La Lapponia svedese, l’Ontario e la Penisola di Kola in Russia, sono poi altri luoghi dove si hanno buone probabilità di essere abbagliati da questo raro fenomeno naturale.

In summa: l’Aurora Polare val bene un po’ di freddo.


Potrebbe interessarti anche