Advertisement
Interviste

Be a Blogger: intervista a Chiara Maci

Caterina Giso
11 settembre 2013

Intervista a Chiara Maci_130911

A settembre ritorna Be a Blogger, un corso organizzato da Komax srl e condotto dalla più famosa foodblogger italiana: Chiara Maci, creatrice di Sorelleinpentola.com, nonché volto noto della TV.
Il corso fornisce le strategie per riuscire a ricavare profitti da questa attività, affrontando sia le questioni sia le tematiche più sottili legate a questa particolare forma di comunicazione: dalla gestione della fase progettuale finalizzata alla creazione di un prodotto coerente e fortunato all’etica del blogger, dai metodi di coinvolgimento dei lettori al rapporto con i social network.
Chiara Maci, a guardarla ha l’aria di una ragazza genuina, bellissima e a cui piace il cibo, tre ingredienti che non si trovano spesso in una sola persona. Foodblogger – tra le prime in Italia – e giudice nel simpaticissimo programma di La7d Cuochi e fiamme condotto da Simone Rugiati. Sorelle in pentola, il progetto che condivide con la sorella Angela da più di tre anni, gode di grande popolarità, forse perché è un blog in cui il lettore si può sentire a casa, in cui mentre si legge una preparazione la cucina si riempie di odori.

Chiara, Sorelle in Pentola è stato un successo, in ogni senso. È un blog che ti riporta nella cucina di casa tua, come se stessi sfogliando il libro di ricette della nonna. Le preparazioni sono semplici, genuine e golose. A guardarti hanno le tue caratteristiche e forse anche quelle di tua sorella Angela. Insomma, da qualche anno avete scoperto il segreto per affermarvi. Cos’altro non dovrebbe mancare a chi decide di intraprendere un progetto di vita come il vostro?
La grinta, la costanza e l’amore esagerato per quello che si sta facendo. Molto spesso mi capita di rispondere a persone che ammirano e alle volte “invidiano” il mio lavoro, ma quando entro nello specifico di quello che vorrebbero davvero fare, c’è il buio totale. Questo perché non si sa bene cosa si vuole. La prima domanda che faccio al mio corso Be a Blogger è sempre la stessa: perché sei qui? Sembra facile rispondere, ma non lo è.

Negli ultimi anni c’è stata un’esplosione di foodbloggers, qualcuna vera, qualche altra improvvisata. Milioni di blog di cucina, qualcuno è rimasto in piedi, qualche altro non ha mai cavalcato l’onda del successo. Stiamo vivendo il boom del cibo. Pensi che durerà? Cosa è destinato a cambiare?
Non ho mai creduto alle grandi esplosioni. Sono una che crede al lungo periodo, quello in cui ti costruisci giorno dopo giorno una credibilità, una reputazione e una carriera. I boom sono destinati ad esaurirsi, esattamente come i blog, se non utili e non curati, sono destinati a crollare.
È un impegno enorme, un blog. Perché non porta guadagno ma richiede lavoro e aggiornamento costante. Sicuramente ne nasceranno sempre di nuovi, ma allo stesso tempo la scrematura avverrà per “selezione naturale”.

Blog di cucina sì, ma tanti tanti altri tipi di blog… milioni in questi anni. Ci sono quelli di gossip, quelli letterari, quelli di viaggi, e soprattutto tanti tantissimi blog di moda. Che caratteristiche non dovrebbero mancare a un blog per distinguersi dagli altri?
Il blog nasce per essere utile, per fornire informazioni necessarie e soprattutto aggiornate. Io sono la prima fruitrice di decine di blog, da quelli di moda a quelli di viaggi. Mi interessano i pareri della gente comune, mi interessa leggere cose vere e spero che i blog possano in futuro mantenere questa loro indipendenza perché la vera grandezza di questo canale di informazione è questa.

Faccio una citazione: «Ho scelto la felicità. Ho scelto la Vita. Vita quando scegli di svegliarti la mattina, metterti un grembiule infarinato e con gli occhi ancora assonnati iniziare a sporcarti le mani di burro, latte, zucchero, cioccolato, uova per creare giorno dopo giorno un qualcosa, un grosso impasto a cui dare forma, un’enorme torta costruita sfoglia dopo sfoglia.»
Ci sono stati dei momenti in cui tutto quello che avevi creato grazie all’amore per la cucina ti ha messo a dura prova? Momenti professionalmente difficili, fatti di scelte, di scelte determinanti. Come li hai affrontati?

Si, ce ne sono stati decine e sono sincera, non solo all’inizio. Quando mi sono licenziata mi è crollato il mondo addosso, per più di un anno mi sono arrangiata con lavoretti in eventi, ma iniziare a costruirmi qualcosa è stato durissimo. Quello di cui vado fiera è la mia tenacia. Non mi scoraggio mai, davanti a nulla. Anzi, più ostacoli e problemi ci sono, più mi viene fuori la grinta per affrontarli. Non è semplice, ma si fa tutto. Ne sono certa, oggi più che mai.

Con Be a Blogger ti rivolgi a tutti quelli che vogliono fare della propria passione un lavoro.
Tu hai alle spalle una laurea in giurisprudenza e un master in comunicazione. Insomma, ti porti dietro un bel bagaglio. Se ce n’è una, qual è la preparazione che non deve mancare a chi decide di aprire un blog e in particolare a chi frequenterà Be a Blogger?

Quello che richiedo sempre è la capacità di saper scrivere e di sapere esattamente cosa si vuole comunicare. Nulla di più. Improvvisarsi può andare bene, ma la conoscenza di un determinato argomento è condizione necessaria per poter andare avanti e riuscire a creare un seguito e soprattutto un bel numero di follone (che fanno la differenza!).

L’appuntamento con Be a Blogger e con Chiara Maci è a Milano Domenica 29 Settembre 2013. Solo per veri bloggers!
Per info visitate il sito www.komaxsrl.com/be-a-blogger.

Intervista a cura di Caterina Giso

Caterina nella vita si occupa di e-book (visitate il sito www.ecandybook.com), e in generale di libri, stampati e non. Ha la passione per i viaggi, per la cucina e un grande amore per le caramelle di ogni genere.


Potrebbe interessarti anche