Musica

Beethoven alla Prima

Daniel Seminara
7 dicembre 2014

Scala: tutto pronto per la prima più seguita al mondo

Fidelio, l’opera del non operista Beethoven, apre la stagione scaligera 2014-2015. Fidelio è infatti l’unica avventura nel campo del teatro musicale del maestro di Bonn, il cui esito felice si ebbe solo dopo una gestazione piuttosto travagliata. Beethoven fu infatti costretto a ritirare per insuccesso l’opera ben due volte, fino a riuscire a conquistare il pubblico al terzo tentativo, quasi 10 anni dopo. Parliamo del 1814, 200 anni tondi che – come in un incrocio astro-casuale – replicano gli anniversari dei due operisti, Verdi e Wagner, che tanto ci hanno deliziati l’anno scorso. Alle ricorrenze passate si aggiungono quelle presenti: questa prima sarà anche un’ultima a causa degli avvicendamenti alla Sovrintendenza e alla Direzione Musicale, che vedranno Alexander Pereira e Riccardo Chailly subentrare a Stéphane Lissner e a Daniel Barenboim.

SCALA: DA DOMANI FIDELIO ARRIVA IN CITTA', EVENTI A MILANO

La regia di questa produzione sarà curata da Deborah Warner, mentre in scena ci sarà un cast di straordinari cantanti: Anja Kampe, Klaus Florian Vogt, Kwangchul Youn, Falk Struckmann, Peter Mattei, Mojca Erdmann, Florian Hoffmann.

La prima della Scala è capace di calamitare l’attenzione mediatica internazionale, per gli attori – non tutti musicali – coinvolti, che aggiungono un importante tocco di mondanità all’evento. Il parterre del Piermarini accoglie infatti le personalità più in vista del mondo dello spettacolo, della politica e della moda.

Se storicamente riuscire a ottenere un biglietto per la prima è proibitivo ai più, da alcuni anni a questa parte la tecnologia permette la diffusione a un pubblico più ampio, che potrà così seguire Fidelio in diretta televisiva e radiofonica su Rai5 e su Rai Radio3, o in differita su Arte e ZDF; Fidelio verrà inoltre proiettata in diretta su maxischermo nella Galleria Vittorio Emanuele, oltre che gratuitamente in numerosi teatri e auditorium di quartiere, nelle case circondariali di San Vittore e Bollate e in più di 150 cinema di tutto il mondo.


Potrebbe interessarti anche