Leggere insieme

Benvenuti a Toc-Toc

Marina Petruzio
30 luglio 2017

Florie Saint-Val con Sinnos Editrice arriva per la prima volta in Italia, nonostante i numerosi albi per bambini all’attivo, e lo fa con un grande e particolare albo, Benvenuti a Toc-Toc.

Mamma, io vado a fare un giro in città! Ci vediamo dopo!

Non c’è dedica all’ingresso, ma un avviso urlato dal basso verso l’alto. È Billy-Bobby, un cane azzurro protagonista della storia. Mai visto? Dispiace per voi, perché invece i bambini sì, ne vedono e anche di altri colori. Perché quando uno è lì davanti al foglio con tutti quei colori e preso il primo – per caso o per fortuna, perché colore preferito o perché a portata di mano – e da questo sgorga una storia…sedetevi pure, non saprete mai se in quel mondo accompagnato da parole, a volte piano, a volte alte, a volte veloci, i colori vengono accostati con sapienza o casualmente, ma vedrete sempre qualcosa di meravigliosamente astratto e sensato, colorato come potrebbe solo un pittore esperto. E pensandoci anche un po’! I bambini no. I bambini disegnano e raccontano, distrattamente, passano a un altro pennarello che magicamente dà vita a un passaggio cromatico tra i più puntuali e armoniosi. E dentro un movimento che, come una danza, interagisce con tutte le proprie competenze, con una costruzione del mondo che è spettacolare di mano in mano. E l’arte di Florie Saint-Val parte proprio da qui.

Dall’osservazione di quella tecnica spontanea, di quel sapere mai insegnato, di quella prospettiva a scatola appiattita, schiacciata, bidimensionale che ci riporta lontano nel tempo con stupore rinnovato.

Ogni linea, ogni quadrato, ogni triangolo un colore, anche se appartengono a uno stesso disegno, a un insieme dalla forma ben precisa. Ogni becco e anche i capelli. Ma la maglietta no, quella è a righe, come se non potesse far parte di un altro immaginario se non quello della realtà indossata da me, adesso e qui.

Così in questo giretto cittadino, di una giornata tipo o desiderata tale, che è questo albo dal grande formato, vengono raccontate, incontrandole, le attrazioni o meglio ciò che di quotidiano c’è in una città per un bambino e che se potesse chiamerebbe e costruirebbe in modo molto ma molto più attraente! Come il Parco Olé, il Quercia-Museo costruito attorno all’albero più alto del parco, la Piscina che è soltanto piscina, dove c’è uno spogliatoio per i maschi e uno per le femmine e dove il bagnino è sempre molto severo. Tempo il baretto dove cucina il grande cuoco Django, l’Ospedale Grobobo, il ColorCafé con la sua terrazza sempre gremita, l’AcquaBib, la biblioteca con acquario dove si possono scoprire nello stesso tempo nuove storie e animali sottomarini! E poi accanto Tic-Tac scuola elementare, che quando non ci sono i bambini con le loro voci, sembra quasi addormentata!

Uno stop in via dell’Acetosella, ricca di negozi e botteghe per comperare il regalo per la festa di compleanno di Ulisse – e la cartolina per la fidanzata -, la festa e poi al ristorante Ristopiante, con mamma e papà, dove il menù ha i colori delle piante, e il Cinetoffoletta Clap, dove si vedono i film sdraiati su comode caramelle concludono una giornata davvero emozionante!

In tutto questo, dove la piscina è prospetticamente e percettivamente il pezzo forte, tra colori vitaminici e trovate fantasiose, un popolo da scoprire. L’affollata Toc-Toc ha popolazione varia e assortita, personaggi noti e meno noti, alcuni da cercare tra le pagine come Carlotta, la signorina Elettra, il signor Occhiodilince, la signora RRRapido e naturalmente Billy-Bolly!

Un albo colorato dalla sensibilità fanciulla, un gioco e molti, moltissimi omini!

 

Benvenuti a Toc-Toc
di e illustrato da Florie Saint-Val
tradotto dal francese da Federico Appel
collana I Tradotti
edito Sinnos
euro 13,00
età di lettura dai 4 anni in su


Potrebbe interessarti anche