Advertisement

Berlusconi: dialogo con Pd per riforme. Monti è bravo, va sostenuto

staff
5 febbraio 2012


“Voglio dare spazio ad Angelino Alfano, che è un giovane bravissimo. Poi ritengo che tornare un’altra volta a Palazzo Chigi sarebbe inutile con l’attuale architettura istituzionale”. In un’intervista su Libero, l’ex premier Silvio Berlusconi spiega così la sua strategia politica per le riforme, che il Pdl dovrebbe realizzare assieme al Pd.

“Il voto degli italiani – dice Berlusconi – si disperde in una miriade di partiti e partitini: la sinistra radicale di Vendola, i Grillini, Di Pietro, i radicali, Fini, l’Udc di Casini, la Lega… Sarebbe opportuno alzare la soglia di sbarramento”. Quindi, spiega, “dobbiamo dialogare con il Partito democratico. E non solo sulla legge elettorale. Bisogna lavorare con loro anche alle altre riforme istituzionali”. Pure la giustizia: ½E perché no, alla fine quaranta loro deputati hanno votato per la responsabilità civile dei magistrati…”.

Berlusconi rinnova attestati di stima al premier: “È molto bravo e non sto scoprendo adesso le sue qualità: è stato il sottoscritto a indicare Monti come Commissario europeo nel ’94”, e aggiunge: “Il governo deve continuare a operare”.

L’ex premier si dichiara “profondamente preoccupato per l’economia italiana ed europea”. “La Cina e le altre economie emergenti aggrediscono le nostre aziende producendo a costi bassissimi. Non so come andrà a finire…”.

 

Fonte: TMNews