Woman

Tartan mania: ed è subito British mood

Luca Antonio Dondi
16 dicembre 2016

copertina

Simbolo della Scozia e del mood British, il tessuto tartan è ormai un’istituzione. Dalle sue antichissime origini fino ai giorni d’oggi, lo scozzese – come viene chiamato in Italia – non ha mai smesso di attrarre le attenzioni del mondo della moda: una rapida ascesa da trama tradizionale a pattern glamour da passerella.

Intorno al XVII-XVIII secolo il tartan distingueva gli abitanti delle regioni scozzesi e ne rendeva immediatamente riconoscibile la provenienza. In seguito il tessuto nelle sue trame più disparate diventò il simbolo di clan e famiglie. Oggi i tipi di tartan esistenti superano il migliaio e solo in commercio se ne contano tra le 600 e le 700 varianti.

moodboard

Ai colori e al prestigio del tartan nessuno ha saputo opporsi: dalla famiglia reale inglese che, con la Principessa Diana prima (in basso a sinistra) e la Duchessa di Cambridge poi (in alto a destra), lo sfoggia nelle occasioni ufficiali, fino a Hollywood che lo consacra negli anni Novanta anche tra i teenager grazie al film “Clueless” (in basso a destra); dal prêt-à-porter internazionale sulla passerella di Vivienne Westwood (al centro), all’haute couture di Alexander McQueen che, in un tradizionale kilt scozzese, accompagna Sarah Jessica Parker al Met Gala del 2006 (in alto a sinistra).

Stilisti britannici come Vivienne Westwood e Alexander McQueen hanno reso il tartan un’icona intramontabile, presentandolo sotto forme nuove, irriverenti e provocatorie di stagione in stagione. Sempre più designer internazionali hanno introdotto questa texture geometrica nelle proprie collezioni e celebrities – oltre che royals – l’hanno scelta per occasioni importanti fino a farla diventare un vero e proprio must-have.

Con l’avvicinarsi del Natale il tartan spopola sulle strade e diventa protagonista di eleganti vetrine, aggiudicandosi il primato di pattern invernale per eccellenza. Se ancora non avete aggiornato il vostro guardaroba con le ultime chicche a suon di quadri, siamo pronti a darvi qualche prezioso consiglio con una gallery irresistibile: preparate le cornamuse, la tartan mania è tornata!

  • I colori dell’autunno e le linee essenziali dominano sul cappotto in lana di Department Five.

  • Tartan dai colori allegri e vivaci per il tubino con spalline pronunciate firmato dalla regina della moda inglese Vivienne Westwood.

  • La collezione Cruise 2017 di Gucci è un’ode al Regno Unito, e quale omaggio migliore se non un soprabito in lana tartan sui toni del rosso e del nero?

  • Burberry ha fatto della stampa check il proprio trademark: qui è proposta sulla nuova borsa The Buckle in pelle con l’elegante fibbia dorata che rimanda ai classici trench della Maison.

  • La raffinata gonna longuette in tessuto tartan bianco-nero-rosso è firmata Alexander McQueen.

  • Il cappotto bon ton di Luisa Spagnoli è impreziosito da tondeggianti bottoni dorati.

  • Anche i boots di Chanel non resistono al fascino del tartan: in contrasto con la pelle, il tessuto in lana grossa rende unici questi stivali.

  • Per il giorno e per la sera, in ufficio così come ad un party: i pantaloni cropped in lana di Rochas saranno il vostro partner ideale.

  • Elegante e femminile il blazer in Principe di Galles con orlo sfrangiato e finale in stile peplo, Carolina Herrera.

  • È di Rossella Jardini il coat in lana con maniche a farfalla dai dettagli in tessuto blu.

  • Sul fondo grigio della gonna a portafoglio in stile college si staglia il tartan arcobaleno firmato Marco De Vincenzo.

  • Très chic il tubino smanicato di Bougeotte in Principe di Galles sulle classiche sfumature del grigio.

  • Il tessuto in lana check fa capolino sulla tracolla di Etro decorata da preziose passamanerie ton sur ton sulla patella.

  • Rosa bubblegum e verde bosco convivono in armonia sul cappotto corto firmato Yerse.

  • Quasi tridimensionale il tartan sulla borsa tote di A. Testoni, creato dall’intreccio di morbidi fili di pelle.


Potrebbe interessarti anche