Letteratura

Brividi sotto l’ombrellone

staff
28 luglio 2013

Emozioni, suspense ed un pizzico di adrenalina per rinfrescarsi le idee all’arrivo del solleone, in una rassegna di tutti i gusti per chi ama stare con il fiato sospeso e gli occhi incollati ad una buona lettura.

clip_image001

Iniziamo con un brivido dal sapore onirico. Beat edizioni ripubblica l’opera consacrata di Jeet Thayil, poeta e musicista indiano sfuggito alla tossicodipendenza: in “Narcopolis” l’autore ci svela la terribile bellezza di una Bombay inedita, decadente e crudele. Il suo cuore pulsante fatto di bordelli, vicoli e fango, anime dannate, prostitute, artisti, filosofi, gangster, indù, musulmani, cristiani. Un brulichio di personaggi umanissimi e grotteschi le cui piccole vite ruotano attorno alla fumeria di Rashid e di Dimplesi, in una trama di fili sottili, intrecciati e annodati tra loro con il virtuosismo di una scrittura magmatica e allucinata. Il passaggio dalla dolcezza annichilita dell’oppio alle ossessioni dell’eroina, inferno chimico che trascina il lettore in un vortice sporco e amaro, ma che possiede senza dubbio qualcosa di sublime.

Pagine: 1 2 3 4 5


Potrebbe interessarti anche