Lifestyle

Brunello Cucinelli: al via il restauro della Torre Civica di Norcia

Flaminia Scarpino
20 gennaio 2017

brunello-cucinelli-640x427

Brunello Cucinelli ha annunciato “la volontà dell’azienda, dei dipendenti e dei tanti amici sia italiani che stranieri, tra cui l’americano Marc Benioff di Salesforce, di prendersi cura del restauro della bellissima Torre Civica simbolo laico del Comune di Norcia”.

L’industriale umbro, dopo aver incontrato il sindaco della città, Nicola Alemanno, ha dunque voluto rendere nota la sua intenzione di dare il suo contributo al patrimonio artistico e storico di quella che definito come “la città dell’anima”. Una decisione che arriva appena dopo un altro virtuoso progetto del re del cachemire italiano: quello di sostenere il Monastero di San Benedetto, sempre nel comune umbro, fortemente danneggiato dal terremoto dello scorso ottobre.

È un’idea venuta dai nostri stimati dipendenti che mi emoziona — ha raccontato Cucinelli — Vorremmo sentirci insieme custodi del creato, proteggere e sostenere genti di alta qualità umana, collaborando con loro nel restauro di preziosi monumenti. Avere come sostenitori dei veri amici universali di varie culture che credono in questi valori di fratellanza, umanità e dignità, mi riempie di gioia e sempre di più mi fa credere nel risveglio dei grandi ideali dell’uomo”.

Un esempio che, speriamo, farà da apripista a diversi altri imprenditori del Belpaese.

Brunello Cucinelli ha annunciato “la volontà dell’azienda, dei dipendenti e dei tanti amici sia italiani che stranieri, tra cui l’americano Marc Benioff di Salesforce, di prendersi cura del restauro della bellissima Torre Civica simbolo laico del Comune di Norcia”.

L’industriale umbro, dopo aver incontrato il sindaco della città, Nicola Alemanno, ha dunque voluto rendere nota la sua intenzione di dare il suo contributo al patrimonio artistico e storico di quella che definito come “la città dell’anima”. Una decisione che arriva appena dopo un altro virtuoso progetto del re del cachemire italiano: quello di sostenere il Monastero di San Benedetto, sempre nel comune umbro, fortemente danneggiato dal terremoto dello scorso agosto.

Un esempio che, speriamo, farà da apripista a diversi altri imprenditori del Belpaese.


Potrebbe interessarti anche