Advertisement
Cinema

Cannes 2016: ecco la giuria

Virginia Francesca Grassi
10 maggio 2016

Cannes-2016-poster-cover

Ad un giorno dall’inaugurazione della 69esima edizione del festival di Cannes siamo tutti curiosi di scoprire le novità in scena quest’anno sul red carpet della Croisette.
Dai film in concorso agli outfit che sfoggeranno le star, senza dimenticare un po’ di sano gossip. Nell’attesa però cominciamo a dare uno sguardo ai componenti della giuria che il prossimo 22 maggio avrà l’arduo compito di dover assegnare la Palma d’oro.
Quattro gli uomini, cinque le donne: tutti personaggi di spicco del cinema internazionale. Unica italiana Valeria Golino che al festival più blasonato del pianeta porta anche Pericle il nero prodotto insieme al compagno Riccardo Scamarcio, presentato nella sezione Un certain regard.
Degno di nota: ahinoi, nessun film italiano purtroppo è in lizza per l’ambitissimo premio…
Il presidente di giuria sarà George Miller, con lui ci saranno, oltre alla già citata Valeria Golino, Arnaud Desplechin, Kirsten Dunst, Mads Mikkelsen, László Nemes, Vanessa Paradis, Donald Sutherland e Katayoon Shahabi.
Scopriamo meglio chi sono nella gallery.

  • Donald Sutherland. Un big del cinema hollywoodiano, che dagli anni ’70 ad oggi ha interpretato più di 150 film. Basti citare nel suo curriculum “Novecento” di Bernardo Bertolucci e “Casanova” di Federico Fellini, per arrivare ad “Orgoglio e pregiudizio” di Joe Wright, “La miglior offerta” di Giuseppe Tornatore e la saga di “Hunger Games”.

  • George Miller. Il grande pubblico lo conosce per aver diretto la tetralogia di Mad Max, che l’anno scorso ha sbancato con ben 6 Oscar vinti, ma forse non tutti ricordano che il regista australiano ha firmato anche altri film apprezzatissimi da critica e pubblico, fra cui “Le streghe di Eastwik”, “Babe, maialino coraggioso” e “Happy feet”, vincitore – tra l’altro – dell’Oscar 2007 come Miglior film d’animazione.

  • Valeria Golino. Unica italiana in giuria quest’anno, l’attrice e regista ha vinto lo scorso anno la sua seconda Coppa Volpi come Miglior attrice al Festival di Venezia per la sua interpretazione in “Per amor vostro” (la prima nell’86 per “Storia d’amore”). L’abbiamo già vista diverse volte calcare il tappeto rosso della Croisette per le sue interpretazioni in “Respiro” (2002) e “Actrices”. Il suo ruolo dietro la macchina da presa l’ha vista invece portare fuori concorso il suo “Miele” nel 2013, mentre quest’anno nella sezione Un certain regard passa “Pericle il nero”, prodotto insieme al compagno Riccardo Scamarcio.

  • Katayoon Shahabi. Forse questo nome non vi dirà nulla, ma questa intraprendente e coraggiosa produttrice iraniana è invece a nostro parere il giurato più interessante quest’anno. Nata a Teheran e studiosa di letteratura francese, nel 2001 la Shahabi ha fondato la Sheherazad Media International, una delle più importanti compagnie di distribuzione cinematografica iraniana rivolta al mercato internazionale. Dieci anni dopo è stata costretta a passare alcuni mesi in carcere per aver collaborato con la BBC ad un documentario considerato antipatriottico. Dopo l’episodio si è strasferita a Parigi, fondando la Noori Pictures.

  • Kirsten Dunst. Enfant prodige del grande schermo, l’abbiamo vista recitare a soli 11 anni accanto a Tom Cruise e Brad Pitt in “Intervista col vampiro” – anche se a dire il vero la prima volta che ha calcato il set è stato a 3 anni, per uno spot pubblicitario, e il suo primo ruolo al cinema è arrivato a 7, con il debutto in “New York Stories”. Ce la ricordiamo poi in film del calibro di “Piccole donne” e “Jumanji”, per arrivare poi a “Spider Man” e “Il giardino delle vergini suicide”. È stata più volte presente a Cannes grazie ai suoi ruoli in “Marie Antoinette”, “On the Road” e “Melancholia”, che nel 2011 le è valso il Premio come Miglior attrice.

  • Vanessa Paradis. Attrice, cantante, modella, oltre che musa di Karl Lagerfeld, con il quale lavora dal 1991 quando era testimonial del profumo Coco di Chanel, ex di Johnny Depp (ma anche di Lenny Kravitz, ricordiamocelo!) e mamma di Lily Rose Depp. A Cannes la figlia sarà presente per la sua interpretazione ne “La danseuse”, presentato nella sezione Un certain regard.

  • Mads Mikkelsen. È uno tra gli attori danesi più celebri, grazie soprattutto alla sua interpretazione nella serie tv “Hannibal” e in “007 Casino Royale” (il primo film della serie che ha come protagonista Daniel Craig). In attesa di vederlo l’anno prossimo nell’attesissimo “Rouge One: A Star Wars Story”, possiamo ricordare che nel 2012 ha vinto il Premio come Miglior attore a Cannes per “Il sospetto”.

  • Arnaud Desplechin. Il regista e sceneggiatore francese è stato a Cannes per la prima volta nel 1992 con “La sentinella”, per poi tornare quattro anni dopo con “Comment je me suis disputé… (ma vie sexuelle)”, in cui fece recitare per la prima volta insieme Chiara Mastroianni e Catherine Deneuve. Alla Croisette sono arrivati anche i suoi “Esther Kahan”, “Racconto di Natale” (in cui recitava Catherine Deneuve venne premiata come Miglior attrice), “Jimmy P”. In concorso non è invece arrivato “Trois souvenir de ma jeunesse”, per il quale ha invece vinto il Cesar come Miglior regista. Al momento è al lavoro su “Les Fantomes d’Ismaël”, con un cast stellare formato da Mathieu Amalric, Marion Cotillard, Charlotte Gainsbourg e Louis Garrel.

  • Laszlo Nemes. Regista e sceneggiatore di origini ungheresi, si è imposto all’attenzione di critica e pubblico l’anno scorso con il suo primo film, “Il figlio di Saul”, che ha ben presto fatto il pieno di premi e riconoscimenti: prima ha vinto il Grand Prix Speciale della Giuria di Cannes 2015, poi il Golden Globe e quindi l’Oscar come Miglior film straniero.


Potrebbe interessarti anche