Children's

Carnevale: vietato vestirsi male, fin da piccoli

Martina D'Amelio
15 febbraio 2013

A Carnevale ogni scherzo vale? Certo, purché non sia di cattivo gusto. Dimenticate mostri e cartoni animati: quest’anno è di scena la semplicità, per una festa all’insegna della tradizione. Gli amici animali, i costumi classici e i richiami al mondo della natura sono i trend della festa in maschera più amata, soprattutto dai piccoli.

Trasformarsi nel proprio peluche preferito? Tutto è possibile nella collezione Trudi Carnival. I bambini da 1 a 6 anni potranno divertirsi nei panni di una tigre o di un leoncino, oppure sfidare il freddo vestiti da pinguino, o ancora diventare una simpatica coccinella, un buffo coniglio o un magico drago. Tutti i costumi sono composti da una tuta e un copricapo, per permettere la massima vestibilità. E non importa se il vostro mini party mascherato sarà in casa o all’aperto: la fodera interna regala il massimo comfort anche direttamente a contatto con la pelle, per un travestimento perfetto nei minimi dettagli e a prova di bimbo.

La ciurma di Imaginarium è al completo: baby piratesse e coloratissimi lupi di mare sono pronti a salpare, per una giornata all’arrembaggio tra coriandoli e stelle filanti. E a completare il look, un kit di trucchi ipoallergenici, a base d’acqua e facili da rimuovere, specifici per il maquillage dei  bimbi più delicati.

E per le taglie baby, dai 6 ai 12 mesi, forme morbide e ispirate alla frutta firmate Prénatal: basta una comoda tutina per trasformarsi in un acino d’uva, in una dolce fragolina o in una mela verde e trascorrere in allegria i giorni più spensierati dell’anno.

Ma ricordatevi che ogni festa è più bella se si passa in compagnia: Naturino proprio a questo scopo mette a disposizione di tutte le mamme e i papà un libro virtuale, realizzato in collaborazione con la blogger MammaFelice e l’illustratrice Raffaella Maria Bazzanini. Scaricabile gratuitamente in formato pdf dal sito www.naturino.com, contiene disegni ritagliabili, paper dolls, ricette, curiosità e giochi tipici di Carnevale. Per stimolare l’immaginazione e la creatività, anche in questa “classica” festività.

Martina D’Amelio


Potrebbe interessarti anche