Advertisement
News

Cavalli, grandi manovre: divorzio da Peter Dundas e addio a Milano

Clarissa Monti
12 ottobre 2016

peter-dundas-2

Un altro divorzio importante per il mondo della moda: Peter Dundas dice addio a Roberto Cavalli, a rivelarlo per primo è stato WWD.

Il direttore creativo era entrato nelle fila del marchio nel marzo 2015, dopo aver ricoperto il medesimo ruolo da Emanuel Ungaro, Dolce & Gabbana ed Emilio Pucci, oltre ad aver collaborato con il brand fiorentino dal 2002 al 2005.

Desidero ringraziare Roberto Cavalli e tutto il Gruppo per questa preziosa esperienza e auguro loro un percorso futuro di successo. Sono particolarmente grato al team che hanno condiviso con me questa avventura”, ha detto il designer norvegese. Mentre dalla Maison fanno sapere: “Ringraziamo Peter Dundas per il suo contributo al brand e gli auguriamo il miglior futuro. In questo periodo di transizione e trasformazione, il team stilistico del marchio continuerà a disegnare le collezioni; la nomina del nuovo direttore creativo sarà annunciata a tempo debito”.

Dopo solo un anno e mezzo e tre stagioni,  l’ultima collezione firmata da Dundas è stata dunque quella per la Primavera Estate 2017, presentata a settembre durante Milano Moda Donna.
Le motivazioni della rottura non sono state rese note, ma voci di corridoio fanno pensare che il passaggio del marchio nell’orbita del fondo di private equity Clessidra nel 2015 abbia influito sulla decisione.

Ma le grandi manovre in casa Cavalli non sono finite: è stata infatti annunciata anche una “riorganizzazione aziendale” che prevede il “ritorno alla redditività a livello operativo della società nel 2018 e assicurare solide prospettive per il rilancio del marchio”: il progetto si concretizzerà in una semplificazione dell’assetto aziendale, una riduzione dell’organico, la razionalizzazione della produzione, della logistica e della rete retail, ma anche l’abbandono di Milano e il trasferimento della sede e dell’ufficio stile a Osmannoro, in provincia di Firenze.


Potrebbe interessarti anche