Fashion

Chanel fa sfilare la Cruise 2017 nel cuore di L’Avana

Virginia Francesca Grassi
4 maggio 2016
gisele_chanel_cuba_use_this-large_trans++ZgEkZX3M936N5BQK4Va8RQJ6Ra64K3tAxfZq0dvIBJw

Gisele Bundchen alla sfilata evento Cruise 2016/2017 di Chanel a L’Avana

L’intramontabile allure parigina di madame Coco e i fasti della Cuba prerivoluzionaria: questi i protagonisti della sfilata evento andata in scena ieri sera a L’Avana per presentare la Cruise 2016/ 2017 firmata Chanel.
Venticinque minuti di show che hanno visto prendere vita le creazioni di Karl Lagerfeld sulla grandiosa passerella di Paseo del Prado, una delle vie più celebri della capitale cubana, allestita per l’occasione con musica latina, luci colorate e gli iconici leoni in bronzo tanto cari alla fondatrice della Maison.
A calcare i 160 metri di catwalk, le top favorite dal kaiser – come Stella Tennant, Mariacarla Boscono, Kendall Jenner, Mica Arganaraz, Lindsey Wixson e Soo Joo Park – in una collezione fresca e moderna, dai colori accesi e molto daywear, che strizza l’occhio alla Cuba d’altri tempi, quando i ricchi americani andavano in crociera sull’isola per le vacanze.


La palette accosta i più classici bianco e nero a tonalità pastello come il turchese, il rosa, il giallo e l’arancio, con qualche incursione nel verde militare. Abiti e accessori reinterpretano i dettagli tipici della cultura cubana: accanto a pailettes e lustrini, rouches e trasparenze, troviamo infatti la tradizionale “guayabera”, denominata per l’occasione “Cuban tux”, cappelli Panama e baschi alla Che Guevara, oltre a sabot e stringate black&white dall’allure retrò. Dettaglio cult, la maxi stampa che trasforma le auto d’epoca cubane in pattern vintage.
Le stesse coloratissime auto che hanno accompagnato nella location dello show i 700 ospiti, tra cui celeb del calibro di Gisele Bundchen, Tilda Swinton, Geraldine Chaplin e Vin Diesel. Tra loro, anche Antonio Castro, aspirante modello nonché nipote del Presidente Fidel Castro: «È un onore per i cubani ospitare un evento del genere», ha dichiarato alla Reuters.
La sfilata segna una data storica, per il suo significato sociale e politico: l’evento – dopo la visita del Presidente Obama, di Papa Francesco e dei Rolling Stones – segue infatti la ripresa dei rapporti tra Usa e Cuba dopo 54 anni di assenza dell’ambasciata americana dall’isola.


Potrebbe interessarti anche