Arte

Christian Dior, couturier du reve: una mostra celebra i 70 anni della Maison

Silvia Ragni
30 giugno 2017

Il 70° anniversario della Maison Dior sarà celebrato con una grande retrospettiva parigina: “Christian Dior, couturier du rêve” è il suo titolo e il Museé des Arts Décoratifs la location in cui verrà allestita. Dal 5 Luglio prossimo al 7 Gennaio 2018 i visitatori potranno addentrarsi in un percorso che racconta l’universo Dior nella sua interezza, dalla fondazione dell’atelier di Monsieur Christian nel 1947 ad oggi.

La mostra, a cura di Florence Müller e Olivier Gabet, si sviluppa fino alla navata del Museo ,occupando circa 3000 mq, uno spazio suddiviso in ordine cronologico e tematico dove è possibile ammirare una selezione di 300 abiti di Haute Couture, ma non solo. A far da fil rouge è la fitta rete di emozioni, ispirazioni, storie di vita, ingegni creativi ed eredità stilistiche che hanno forgiato la storia della Maison. Se ne rinvengono le tracce in una moltitudine di tele d’atelier, fotografie di moda, schizzi, documenti, illustrazioni, lettere, reperti pubblicitari e, ancora, in accessori come scarpe, borse, bijoux e cappelli, nelle bottiglie di profumo: testimonianze di un immenso – quanto incantevole – patrimonio creativo.

L’iter espositivo ha inizio con un focus ad ampio spettro su Christian Dior e sulle sue passioni. Grande amante dell’arte, Monsieur Dior la tradusse in uno dei suoi leitmotiv ispirativi: lo dimostra l’ampio numero di dipinti, sculture, arredi e oggetti d’arte che la mostra include. Fu proprio il design “rivoluzionario”, che ridefiniva in toto la silhouette femminile, a sancire il boom della collezione d’esordio di Christian Dior. Correva l’anno 1947 e, grazie a Dior, la donna abbandonava le forme austere degli anni della guerra abbracciando uno stile in cui imperavano le linee a corolla e la vita ben sottolineata.

  • ® Photo Les Arts Décoratifs Nicholas Alan Cope

  • ® Photo Les Arts Décoratifs Nicholas Alan Cope

  • ® Photo Les Arts Décoratifs Nicholas Alan Cope

  • ® Photo Les Arts Décoratifs Nicholas Alan Cope

  • ® Photo Les Arts Décoratifs Nicholas Alan Cope

Il New Look, come fu subito ribattezzato, era un inno ad uno charme del tutto nuovo: la curva delle spalle veniva accentuata dolcemente, le gonne si amplificavano tramite strati di tulle in metratura extra e il busto, stretto nell’iconica Bar Jacket, risaltava con eleganza pura. Alle angustie del recente periodo bellico la Maison contrapponeva tessuto in abbondanza e ricercatamente lavorato, donando linfa al savoir faire artigianale; gli accessori divenivano parte integrante della mise. Il successo del New Look fu tale da riportare Parigi ai fasti di indiscussa capitale della moda internazionale.

La mostra omaggia il couturier che fu artefice di questo straordinario trionfo con un approfondito excursus biografico: l’infanzia trascorsa a Granville, l’approdo nell’effervescente Ville Lumière degli anni ’20 dove aprì una galleria d’arte, il debutto nella moda come illustratore. L’estetica e le fonti ispirative di Christian Dior, fortemente radicate nell’arte e nell’antiquariato artistico, sono raggruppate per temi e analizzate una ad una. Alla sua morte, nel 1957, gli succedette un illustre novero di designer a cui l’esposizione dedica sei gallerie apposite. La sofisticata audacia di Yves Saint Laurent, l’eleganza lineare di Marc Bohan, le contaminazioni architettoniche di Gianfranco Ferré, la “Punk couture” fastosa di John Galliano, il rigore minimal di Raf Simons e lo stiloso femminismo di Maria Grazia Chiuri vengono celebrati attraverso abiti che rivelano le loro personali interpretazioni dell’heritage Dior.

Il percorso espositivo, che non tralascia il prezioso apporto delle creazioni fur di Frédréric Castet, dei beauty look di Serge Lutens, Tyen e Peter Philips e dei profumi di François Demachy nel delineare l’estetica della casa di moda, si conclude in grande stile: esposta nella navata, una serie di sontuosi abiti da sera evidenzia un aspetto chiave nella storia di una Maison che ha saputo donare al concetto di “glamour” un’aura leggendaria e sublime.

 

Christian Dior, couturier du rêve
Dal 5 Luglio 2017 al 7 Gennaio 2018
Musée des Arts Décoratifs, 107, rue de Rivoli │Parigi


Potrebbe interessarti anche