Advertisement
News

Cina: la prossima super potenza dell’e-commerce

staff
29 marzo 2012

La Cina è in cammino per diventare la prossima super potenza mondiale dell’e-commerce, superando gli USA entro il 2015. La classe media emergente cinese, l’aumento dell’accesso a Internet e il desiderio di prodotti di marca stanno dando un grande impulso all’e-commerce.
La Cina ha 458 milioni di utenti Internet, più di USA e Giappone insieme. Eppure la penetrazione della Cina in Internet rimane bassa, a solo il 37%. Con una popolazione di 1.3 miliardi di abitanti, i miglioramenti dell’accesso Internet ad alta velocità e la moda di smart-phone e internet mobile, si prevede che la Cina raggiunga i 700 milioni di utenti Internet entro il  2020. E con la crescita dell’uso di Internet, crescerà anche l’e-commerce.
Secondo iResearch, 147 milioni di cinesi hanno fatto acquisti online nel 2011, spendendo 7 trillion di RMB (840 miliardi di euro), rappresentando una crescita annua del 46.4%. Gli analisti iResearch si aspettano che il numero di acquirenti online diventi più del doppio entro il 2015, arrivando a 329 miliardi spendendo almeno il quadruplo fino a 26.5 trilioni di Yuan (3.1 trilioni di euro)  – superando gli USA come il più grande e-consumer del mondo.
È facile capire perché sta succedendo questo, con i salari che crescono fino al 12% all’anno in Cina, e un desiderio crescente per la bella vita, i cinesi stanno diventando gli acquirenti più prolifici. Lo shopping online è uno dei migliori modi per i consumatori cinesi per saperne di più sui nuovi marchi e le nuovoe mode. Gli e-shopper hanno speso in media 3.1000 yuan all’anno nel 2011 (367€). Gli analisti stimano che questi dati raddoppino in 5 anni, raggiungendo i 6.220 Yuan (737€), la stessa somma spesa dagli e-shopper americani oggi.
Il settore delle merci di lusso sta sperimentando la stessa esplosiva crescita online. Secondo EnfoDesk, le transazioni online di merci di lusso in Cina hanno raggiunto i 16 miliardi di Yuan (1.9 miliardi di €) nel 2011. La Relazione sull’e-commerce globale in Cina nel 2010-2011 prevede che le vendite e-commerce di lusso supereranno i 20 miliardi di Yuan (2.3 miliardi di euro) entro il 2013. “Internet rappresenta una grande opportunità per i marchi di lusso in Cina. Ci aspettiamo che le vendite online di articoli di lusso esplodano letteralmente entro il  2015, trovandosi oggi solo agli inizi” dice Allen Yang, Direttore generale di VIPStore, il leader della rivendita di prodotti di lusso online in CIna.
Eppure solo pochi marchi di lusso  hanno lanciato i siti del proprio marchio. Questo è dovuto alla complessa natura dell’e-commerce in Cina. I clienti cinesi online si comportano diversamente da quelli dell’occidente, i siti devono offrire servizi di pagamenti in contanti perché le carte di credito sono ancora un fenomeno relativamente nuovo; i siti hanno anche bisogno di grandi dipartimenti di assistenza al cliente in quanto molti dei consumatori di beni di lusso contattano i siti prima di fare l’acquisto, con domande sui dettagli del prodotto, le opzioni di pagamento e consigli di stile. Infine, il sistema di consegne può essere scoraggiante in un paese vasto come la Cina.
Il risultato è che sempre più marchi europei stanno iniziando a lavorare con le piattaforme di rivendita online cinesi, traendo vantaggio dalla loro esperienza nel mercato dell’e-commerce cinese, senza correre grossi rischi. “Se volete vendere a dei clienti cinesi è sempre meglio lavorare con collaboratori cinesi che conoscono il mercato, le mode, la concorrenza e tutto il gioco degli affari in Cina. I marchi di lusso europei che vendono attraverso la nostra piattaforma traggono vantaggio dalla nostra profonda conoscenza del posto, che include delle forti collaborazioni con i più grandi siti sociali in Cina, essendo questo il maggiore motore dell’ecommerce in Cina” afferma Emmanuel Levy, Direttore Generale EMEA di VIPStore.


Potrebbe interessarti anche