Woman

Cruise collections 2014

Alice Signori
25 agosto 2014

Schermata 2014-08-25 alle 09.18.00

Viviamo in un mondo fast-forward: sempre di corsa e con mille cose a cui pensare. Anche i nostri look devono adeguarsi allo stile di vita. Come possono sopperire i “big” della moda a questa necessità disegnando soltanto due collezioni l’anno? Affiancando delle nuove, micro collezioni. Nasce quindi la Cruise Collection (o resort collection che dir si voglia). Originariamente pensate per quelle donne benestanti che, dopo aver già consumato la collezione primavera-estate, si preparano alle vacanze in lidi esotici e hanno bisogno di un abbigliamento ad hoc. In realtà spesso acquistata da tutte noi, attratti dai capi sfiziosi e colorati, ottimi da mettere in valigia.

Nelle sfilate di quest’anno, molti i capi proposti. Un consiglio: lasciatevi ispirare dalle forme, dai colori e dai tessuti per ricreare il capo che più vi piace. Altrimenti? Non vi resta che recarvi in boutique.

Blumarine propone un tailleur con pantalone coloratissimo e vivace: le “bolle” colorate sulla stoffa azzurra donano un tocco di fantasia. Philip Plein sceglie il giallo: irriverente e sbarazzino il vestito che ricorda lo stile anni ’60. Gucci veste la donna elegante: l’abito lungo è perfetto per cerimonie importanti o per le serate di gala estive. Sbarazzina la proposta di Dior: un vestito che si apre in grosse frange con forme e dimensioni irregolari. Chanel si ispira ai costumi caratteristici di diverse parti del mondo, soprattutto quei luoghi caldi che potrebbero essere meta della nostra vacanza. Anche Miu Miu gioca con colori e trame geometriche: il vestitino sui toni dell’arancio ha un disegno che ricorda gli intrecci peruviani. Genny sceglie per la sua donna un capo effetto “tuta” in cui si mixano colori pastello e una trama vagamente marinara. Missoni incanta con il giocoso tailleur ghepardato: maculato a chiazze di colore.

Il light motive? La vacanza. E se per quest’anno si è già conclusa, non è mai troppo tardi per fantasticare. Anche su quella dell’anno prossimo.


Potrebbe interessarti anche