Cucine da incubo in Italia, con chef Cannavacciuolo

Marica Cammaroto
11 febbraio 2014

tv1

Sembra non finire mai la passione di milioni di italiani per i programmi di cucina. Stanno da poco andando in onda infatti gli episodi della fortunata prima stagione di “Cucine da incubo” versione italiana. La trasmissione è totalmente basata sul format “Ramsay’s Kitchen Nightmares”, un programma televisivo trasmesso dall’emittente TV britannica Channel 4 in cui lo chef di fama planetaria Gordon Ramsay cercava di salvare dei ristoranti e dei pub sull’orlo del fallimento.

tv2

Stessa cosa tocca fare al nuovo eroe televisivo dei fornelli nostrani, Antonino Cannavacciuolo. Forse ai più il suo nome non dirà nulla, ma tra gli appassionati è già una star: originario di Vico Equense, un piccolo comune nel napoletano, dopo diverse esperienze eccellenti in conosciuti ristoranti europei quali l’Auberge dell’Ile di Illerausen e il Buerehiesel di Strasburgo, è diventato nel ’99 Chef patron del Ristorante Hotel Villa Crespi ad Orta San Giulio.
Durante la sua carriera come ristoratore è stato premiato con 2 stelle Michelin, 3 forchette per il Gambero Rosso e 3 cappelli de l’Espresso.

Insomma, di certo non un novellino. Con la stessa mano ferma di Ramsay e soprattutto con quella tipica e spassionata sincerità partenopea che tanto amiamo, vedremo chef Cannavacciuolo alla prese con ristoranti da ristrutturare sin dalle fondamenta e vi possiamo anticipare che sicuramente la versione italiana non avrà nulla da invidiare a quella britannica. Intanto ci godiamo le puntate ogni venerdì alle 21.00 su Cielo.

Marica Cammaroto