Advertisement
Alberghi

Curio Collection by Hilton inaugura il suo primo hotel a Roma

Clarissa Monti
16 luglio 2017

Curio Collection by Hilton sbarca a Roma, aprendo il suo primo hotel nella capitale, il secondo in Italia con la Bagnaia Golf&Spa Resort a Siena.

Il brand ultralusso della catena alberghiera ha infatti acquisito l’Aleph Rome Hotel che ora, dopo un’importante ristrutturazione, si prepara nuovamente ad accogliere i suoi ospiti.

Situato a due passi da Piazza di Spagna, Fontana  di Trevi e Villa Borghese, l’hotel gode di una posizione privilegiata nella capitale, imponendosi come una nuova meta per il turismo di lusso internazionale. Gli ospiti verranno accolti in una delle 88 camere e suite della struttura e coccolati da una vasta offerta tra ristoranti e bar, oltre che da una grande piscina con vista panoramica sulla Città Eterna.

Siamo felici di annunciare che Aleph Rome Hotel, Curio Collection by Hilton, è di nuovo operativo. Siamo orgogliosi di questa proprietà, che ha visto una sostanziale ristrutturazione, per diventare uno degli hotel più caratteristici e iconici di Roma. Questo progetto riflette la strategia di ARTIC, che intende aggiungere valore alle sue proprietà, aumentandone la crescita e lo sviluppo e di conseguenza il ritorno sugli investimenti. Siamo fiduciosi che Aleph Rome Hotel rappresenterà un altro investimento di successo a lungo termine e un altro passo verso il rafforzamento della nostra posizione di Gruppo internazionale in crescita nel settore degli investimenti alberghieri” ha raccontato Mohammad Bin Faisal Al Thani, il vicepresidente di Artic, proprietario di Aleph Rome Hotel.

Siamo orgogliosi di portare il brand Curio Collection a Roma, città ricca di storia e classicità – ha aggiunto Mark Nogal, global head, Curio Collection by Hilton – Aleph Rome Hotel vuole offrire ai nostri ospiti la possibilità di scoprire e sperimentare realtà particolari, rigorosamente selezionate, ognuna con il proprio carattere e la propria storia da esplorare”.

 


Potrebbe interessarti anche