Design

Design accessibile

Luca Medici
23 giugno 2015

home

Dal prêt-àporter al design-à-porter o meglio, “pronto all’utilizzo”… il passo è veloce! Complementi d’arredo semplici e accattivanti che ben si inseriscono in qualsiasi contesto. Pezzi irrinunciabili che le nostre case dovrebbero avere come in qualsiasi guardaroba non dovrebbe mai mancare un bel completo fresco di lana blu per lui, oppure un tubino nero per lei. Le aziende storiche del Made in Italy negli ultimi anni hanno introdotto dei complementi di arredo che presto sono diventati icone di stile.

Partiamo dall’illuminazione, si, perchè il design passa anche attraverso la luce. Una bella rivisitazione della lampada ad arco di Castiglioni (Flos – 1962) è la Twiggy disegnata da Marc Sadler (Foscarini), oggi anche a Led. Volete una lampada in ceramica a sospensione? Optate per il modello Lambada disegnata da Samuli Naamanka (Innolux), design rigoroso, finitura opaca e lavorazione artigianale. Avete deciso per un classico contemporaneo? Vi suggerisco la bella lampada da appoggio Seventy (Novità Home) realizzata in metallo smaltato che ripropone il modello della classica lampada da ufficio. Siete maniache dell’ordine e della pulizia, ma volete fare le “casalinghe chic”? Vi consiglio allora la paletta (in pelle) con scopino dal design accattivante di Normann Copenhagen o le mollette per stendere i panni dal look retrò in legno di Perigot… se invece volete spolverare con classe dovete assolutamente acquistare il piumino di struzzo, sempre di Perigot (distribuito da Moroni Gomma). Se, poi, vi serve un manuale dedicato ai rimedi della nonna, trucchi e consigli, il libro che fa per voi è “Lee Faber – I rimedi della Nonna” (De Agostini).

Passiamo alla zona giorno: per dare un tocco di design alle vostre case basta aggiungere il pratico sgabello in alluminio nero opaco Anin (Living Divani) e abbinare al vostro tavolo le sedie Gotham (Chairs&More) in metallo, con scocca in poliuretano, leggere e resistenti. Linee geometriche, struttura in acciaio e ripiani rivestiti in pelle per il servomuto Bak (Frag), adatto sia per l’ingresso sia per la camera da letto. Una zona giorno non può essere definita tale senza un comodo divano dove trascorrere ore di relax. Di ultima tendenza le imbottiture si fanno importanti e le strutture sottili, vediamo insieme quali scegliere. Struttura in metallo e imbottitura in piuma e poliuretano espanso per il divano Auto-Reverse (Arketipo), struttura in massello e multistrato, imbottitura in poliuretano a densità differenziata e ampia modularità per Bellavita (Alberta Salotti), ma se volete stare sul classico vi consiglio il New York (Saba Italia), divano con struttura in legno massello, rivestito con poliuretano espanso a quote differenziate, molleggio con cinghie elastiche e rivestimento trapuntato sfoderabile, bellissimo in velluto rasato verde!

Siete amanti del vetro? La poltrona monolitica in vetro curvato trasparente Ghost (Fiam) farà al caso vostro. Bella la libreria in vetro che permette di esporre collezioni e oggetti, Collezione Liber (Tonelli Design), magari da abbinare al tavolino/portariviste Zeta (Sovet) proposto in tre formati. La zona notte è la vostra preferita? Il relax la vostra passione? Direi che potete abbandonarvi alla semplicità del letto Zen (Giessegi), rivestito in ecopelle e con supporti ad arco in alluminio cromato oppure alla testata e giroletto con rivestimento trapuntato del letto Ruché (Ligne Roset), ma se il minimal è il vostro capriccio il letto giusto per voi è senza dubbio Camaleo (Twils), caratterizzato da una struttura in tubolare di acciaio verniciato e materassi trapuntati a mano.

Il design è diventato semplice, intuitivo e non necessariamente costoso… dunque scegliete il vostro complemento d’arredo preferito e donate alle vostre case un look moderno e al passo con le nuove tendenze “Made in Italy”.

Luca Medici
www.my-home.biz