News

Destination Hong Kong per Moncler

Martina D'Amelio
21 novembre 2017

Mr. Moncler alla conquista di Hong Kong

Una nuova boutique, ma anche una performance artistica e una speciale capsule: Hong Kong sembra proprio una delle destinazioni preferite da Moncler.

Per festeggiare l’opening ufficiale del flagship in Harbour City su Canton Road – il più grande della Maison in Asia con i suoi 500 metri quadrati di superficie – il marchio italiano ha inscenato un happening davvero singolare dal titolo Moncler | Destination Hong Kong, che ha visto protagonisti oltre 10.000 Mr. Moncler. Gli omini alti 50 cm, testimonial del brand, sono stati posizionati in alcuni luoghi simbolo di Hong Kong, animandone le strade e interagendo con i passanti. E avvicinandoli all’universo Moncler: perché il compito di questi simpatici pupazzi è soprattutto quello di unire i fan del brand a livello internazionale in un un’unica, grande famiglia.

Gli interni dello store Moncler di Hong Kong in occasione dell’opening

Partendo da cinque luoghi simbolo del mondo – Tokyo, St. Moritz, Melbourne, Berlino, Los Angeles, che diventano cartelli stradali-patches sul duvet indossato proprio dall’omino – Mr. Moncler accorcia le distanze che separano queste città da quella asiatica, in una sorta di esortazione all’universalità. Un’operazione pop in chiave ultra contemporanea tra moda, arte e cultura, che si traduce nella limited edition di 350 Mr. Moncler personalizzati da Craig Costello, uno degli street artist moderni più visionari e talentuosi. Un gift esclusivo per tutti quelli che si sono lasciati contagiare dallo speciale happening.

Craig Costello alle prese con i Mr. Moncler

Ma non è finita qui: Moncler | Destination Hong Kong è anche una capsule collection d’ispirazione anni ’70 giocata sull’argento, presentata in esclusiva nel nuovo store. La collezione ruota intorno a un iconico piumino in laqué silver dall’interno bianco, dove le cinque città campeggiano a grandi caratteri su strisce in silicone dai colori a contrasto.

Dopo aver portato la neve a Milano in occasione della recente apertura del monomarca di via Montenapoleone ed essere balzata alle cronache per la cancellazione delle linee Gamme Bleu e Gamme Rouge, Moncler ritorna alle sue basi: tecnologia e natura, montagna e città, funzionalità ed estetica, arte e cultura. Che conquistano Hong Kong a tutto tondo. E in grande stile.


Potrebbe interessarti anche