Leggere insieme

Diversi ma uguali: mi parli della tua famiglia?

Marina Petruzio
1 marzo 2014

www.inmondadori.it

Dopo aver osservato la ricchezza della diversità nel macrocosmo PEOPLE di Peter Spier restringiamo il campo ed entriamo nel microcosmo famiglia con Il Grande Grosso Libro delle Famiglie di Mary Hoffman, edito da Lo Stampatello.
Grande è grande quest’albo, e non solo di formato. É grande come tutte le cose che concorrono al nostro sapere, a farci conoscere e capire, nel modo più semplice e spontaneo possibile trattandosi di albi illustrati, quanto sino ad un attimo prima ignoravamo o su cui non avevamo ancora posto la nostra attenzione. Grande come tutti gli strumenti che contribuiscono ad allargare i nostri orizzonti interni. Open mind.
Ed è anche grosso perché, come per PEOPLE, contiene una miriade di cose, di concetti, di illustrazioni di Ros Asquith che ti catturano ed inducono ad osservare, a guardare bene quando non basta vedere.

il-grande-grosso-libro-delle-famiglie-di-mary-L-XQpSxY

Grande e grosso perché non si esaurisce in una sera, anzi! Già dai risguardi capiamo che ci dobbiamo mettere comodi di postura e di tempo, perché la lettura ad alta voce coinvolgerà tutte le parti, l’intera famiglia appunto, che sfocerà in una lettura dialogica basata sul proprio vissuto di esperienze ed emozioni e che darà vita ad un gioco: di quante e quali persone è composta la tua famiglia?

Se mi avessero posto questa domanda quando ero piccola avrei risposto senza esitazione: da un papà e una mamma, da un fratello più grande, da me e da una sorella più piccola. Col tempo avrei aggiunto quattro gatti e tre cani, un’amica di mia mamma che ho sempre considerato come una seconda mamma, una zia alla quale ancora oggi sono molto affezionata e la famiglia di mio padre alla quale ho sempre sentito di appartenere. Ovvero il mio personale microcosmo fatto di legami di sangue.
Passano quarant’anni e se chiedo oggi a mio figlio di parlarmi della sua famiglia, di chi considera parte integrante della nostra famiglia di tre persone, scopro, letteralmente, che a questo nucleo appartengono la sua tata, a pieno titolo direi!, e i nonni ma non solo quelli di questa terra, anche quelli che non ha mai conosciuto personalmente; che oltre ai i suoi due cugini di sangue considera cugini tutti i fratellini e le sorelline dei suoi amici ed il gatto degli zii, dal momento che considera il suo “suo fratello peloso”. Ed oltre a cinque zii da albero genealogico considera tali alcuni tra in nostri migliori amici.

pagine-1-2

La sua famiglia è composta dalle persone che ama e dalle quali viene amato indipendentemente dal legame di parentela che lo accomuna a loro. Il suo concetto di famiglia va oltre, è compreso in una sfera di affetto profondo, un pensiero liberamente elaborato dalla sua esperienza. Famiglia è dove ci si sente a casa.

Le famiglie, ci spiega quest’albo, hanno forme e misure di ogni tipo e non si può escluderne nessuna.
Nessuna che i bambini considerino famiglia. Nessuna tra le tante che compongono il nostro vicinato, le persone che fanno rete ed entrano in relazione d’aiuto con noi, nessuna di quelle presenti nel nostro quartiere. Tutte sono famiglie diverse e di diritto.
Perché non esiste – non più, se mai è stato così – un tipo unico di famiglia e neppure due come le polemiche di questi giorni vorrebbero farci pensare: l’una etero e l’altra omogenitoriale.
Quest’albo riporta il focus al centro, ponendoci innanzi la più varia e patchwork carrellata di famiglie possibili ed ancora una volta diverse.
Famiglie monogenitoriali per scelta ma anche per destino, per un grave lutto; bambini che vivono con i nonni perché papà e mamma lavorano in paesi lontani; famiglie omogenitoriali con due mamme o con due papà, famiglie con bimbi in affido o adottati, di etnie diverse magari; famiglie allargate, famiglie di due persone.
Ci racconta, e a nostra volta ci piacerà raccontare, dei luoghi in cui vivono tutte queste famiglie, dei lavori che fanno e dove o del lavoro che non riescono a trovare, delle tradizioni, delle vacanze e dei luoghi, mostrandoci come anche un week end a casa, in famiglia, può essere una piccola vacanza. Sugli animali da compagnia: veri o finti, immaginari o immaginati, quelli del prato per chi non ne può tenere in casa! Sulle attività da fare insieme e sulle emozioni che si vivono in famiglia.

Per dirci essenzialmente ancora una volta della meravigliosa varietà di umanità diversa e della naturalezza della diversità.

Un grazie speciale a Edufrog e Francesca Romana Grasso, alle sue bellissime lezioni sugli albi illustrati e non solo, alle parole che le ho rubato per parlare di quest’albo ed alle sostanziose colazioni di metà mattina parlando di lavoro progetti e figli…a Meri e Franci per il lavoro che faticosamente ed oltraggiate svolgono.

La maggior parte delle famiglie è tutte queste cose contemporaneamente. E la tua oggi com’è?

Marina Petruzio

Il Grande Grosso Libro delle Famiglie
di Mary Hoffman Illustrato da Ros Asquit
Ed.: Lo Stampatello Editore
Euro: 13,80
Età di lettura: dai 5 anni

www.lostampatello.com
www.lostampatello.blogspot.it
www.edufrog.it
www.blog.edufrog.it

Ti è piaciuto? Potrebbe interessarti anche: www.luukmagazine.com/it/diversi-ma-uguali-parte-prima-people-di-peter-spier


Potrebbe interessarti anche