Leggere insieme

Dizionario della Fiaba

Marina Petruzio
12 giugno 2015

IMG_1847

Scritto da Teresa Buongiorno, una tra le più brave linguiste della letteratura italiana, esce per Edizioni Lapis il Dizionario della Fiaba.

Come Calvino, invitato da Einaudi, riscrisse le fiabe italiane, quelle tramandate oralmente, dai mille dialetti, patrimonio ad alto rischio di estinzione, che rilesse tutte, divise per regioni e tradusse in un italiano che potesse essere comprensibile da tutti, così Teresa Buongiorno, a quattordici anni dalla pubblicazione del suo Dizionario della Letteratura per Ragazzi, torna ai suoi lettori con il Dizionario della Fiaba. Ordinando e catalogando, ristabilendo un ordine, anche cronologico, per ogni fiaba espone la trama, le origini, le varianti, la fortuna, arrivando – laddove esistano – alle rappresentazioni cinematografiche e agli influssi sulla trasmissione della fiaba in questione, usando un linguaggio semplice, quel linguaggio tipico di chi la materia la conosce così approfonditamente da poterne parlare come si parla di un fatto quotidiano, e la vorrebbe comunicare a tutti, dai maestri delle scuole primarie ai professori, universitari e non, ai genitori e a chi si occupa in generale d’infanzia.
Perché se siamo nel mondo e viviamo con i bambini, come dice l’autrice, dobbiamo capire cosa passa nella loro mente e se genitori ed insegnanti leggono cose differenti rispetto a quelle che leggono bambini e ragazzi, non li capiranno mai.
Ecco il perché di un libro che si chiama Dizionario. Un luogo in cui, anche se ci si perde, in ordine alfabetico ci si ritrova. Per nominare il mondo e dargli un ordine, proprio come nei libri di prime parole riferiti alla primissima infanzia, per stabilire i confini di un intorno così complesso e quantitativamente tanto, spaventoso.
Un ordine che preservi la memoria dove nulla vada perso, una mappatura che tracci un percorso – e le mappe sono importanti per non perdersi nel bosco ma anche nella cultura.
L’ordine dà serenità. Alle date di Elfi e Folletti – ma non solo, perché vi si nominano anche libri, saggi, autori – si aggrappa la memoria, si crea la memoria delle cose.
E non solo.
Il Dizionario della Fiaba é il luogo in cui si rincontra tutto: personaggi ed autori, ma soprattutto l’Uomo. Noi, la nostra storia, la nostra sorte, quel che siamo e quel che potremmo diventare, perché nella Fiaba risiedono le origini antropologiche, l’archetipo dell’uomo.
Le Fiabe sono il catalogo dei destini, di tutto ciò che può accadere nella vita ad un uomo, così come ad una donna. La Fiaba è il fondamento della vita, lo specchio della realtà nel tempo.
Nella speranza che nominare le cose possa essere la cassetta degli attrezzi per poter continuare a costruire le storie.

Marina Petruzio

Dizionario della Fiaba
di Teresa Buongiorno
Collana: Fuoricollana/ Divulgazione
Editore: Edizioni Lapis
Euro: 14,50
Età di lettura: per tutti


Potrebbe interessarti anche