News

Do not go gentle: il nuovo concept di Jeckerson debutta a Milano

Martina D'Amelio
9 ottobre 2017

Jeckerson apre a Milano il primo flagship store realizzato secondo il nuovo retail format ispirato alla filosofia “Do not go gentle”, che rappresenta il primo passo verso il rilancio del brand a livello internazionale.

La boutique sorge in Corso Matteotti 1, a due passi da via Montenapoleone: due vetrine per 120 metri quadrati di superficie nella suggestiva cornice di Palazzo Crespi. Il negozio, progettato dallo studio Meregalli Merlo Architetti Associati, presenta in anteprima il concept del brand “Do Not Go Gentle”, lanciato con la campagna autunno-inverno 2017/2018: uno stile dalla personalità inconfondibile, pensato per offrire un’esperienza d’acquisto alla clientela “smart rebel” che da sempre contraddistingue il marchio di sportswear bolognese.

Lo store si presenta come un grande open space dai soffitti alti quasi 5 metri, dove espositori in ferro accolgono le collezioni del marchio, mentre una colonna strutturale è stata rivestita di specchi per creare un focus su cinture e piccoli accessori, valorizzando l’offerta total look. Pedane componibili in legno e vetro permettono di modificare l’ambiente a seconda delle diverse esigenze espositive, mentre teche in vetro situate all’ingresso promettono di valorizzare capsule e must delle collezioni. Il gusto industriale dato dall’intonacatura a calce grezza in grigio chiaro è mixato con accenti più raffinati, come i piani in vetro nero retroverniciato, le lampade a sospensione in acciaio cromato e la pavimentazione in gres realizzato in massa.

L’opening milanese rappresenta solo il punto di partenza per il rilancio complessivo del brand, dal 2008 di proprietà del fondo inglese Stirling Square Capital Partners, che conta oggi – accanto alla tradizionale distribuzione wholesale – 35 negozi monomarca solo sul territorio italiano. Il primo passo verso il salto retail in direzione degli Stati Uniti e dell’Europa, in un’ottica di espansione totale ma focalizzata soprattutto sul segmento donna e accessori. Non solo i celebri pantaloni dalle cuciture a vista quindi: la label ora punta sul lifestyle a 360 gradi. E, dopo un periodo difficile (un’estinzione dei debiti per 90 milioni di euro), mette il turbo, puntando a raggiungere i 40 milioni di giro d’affari entro il 2020.

 


Potrebbe interessarti anche