Gossip

Dolce e Gabbana: scoppia la polemica sui figli di genitori gay

Giulia Ruggeri
17 marzo 2015

dolcegabbana_-famiglia-tradizionale_panorama

Negli ultimi giorni non si parla d’altro: gli stilisti Domenico Dolce e Stefano Gabbana si sono infatti trovati nell’occhio del ciclone mediatico a causa di un’ intervista rilasciata al settimanale Panorama nella quale hanno espresso il loro parare riguardo ai figli di genitori gay.

“Viva la famiglia tradizionale” è il titolo che appare in copertina e che chiarifica sin da subito la loro idea in merito alle coppie omosessuali che desiderano avere figli.

Sono gay, non posso avere un figlio, la vita ha un suo percorso naturale, ci sono cose che non vanno modificate. E una di queste è la famiglia, ha dichiarato Domenico Dolce. E ancora: Non mi convincono i figli della chimica, i bambini sintetici, uteri in atffitto, semi scelti da un catalogo”.

Ecco così scoppiare un’infuocata polemica online. Personaggi del mondo dello spettacolo e non, infatti, hanno espresso il proprio disappunto nei confronti dei due stilisti. Elton John in prima linea, dichiarando: Come vi permettete di dire che i miei meravigliosi figli sono “sintetici”. Non indosserò mai più nulla di Dolce e Gabbana, seguito dall’hashtag #BoycottDolceGabbana.

Elton urges fashion brand boycott

 

L’epressione “figli sintetici” ha ovviamente fatto infuriate i numerosi genitori di bambini nati in vitro che hanno così cominciato a postare su Twitter le foto dei propri figli in difesa del diritto di essere riconosciuti come bambini normali e non frutto di un esperimento scientifico.

Sono seguite subito nuove dichiarazioni dei due stilisti: Crediamo fermamente nella democrazia e pensiamo che la libertà di espressione sia una base imprescindibile per essa, ha detto Stefano Gabbana.

Sono cresciuto in una famiglia tradizionale, ma questo non vuol dire che non approvi altre scelte. Ho parlato per me, senza giudicare le decisioni altrui, ha poi aggiunto Domenico Dolce.

Ma l’indignazione non si placa e, secondo un’analisi di Reputation Manager, la protesta social lanciata da Sir Elton John ha scatenato quasi 29.000 tweet, che hanno raggiunto un’audience potenziale di 50,3 milioni di utenti.


Potrebbe interessarti anche