I nostri blog

Dove vai se la marca non ce l’hai?

staff
28 maggio 2011


Mi chiedo come nel mondo della moda ci possano essere così tante vipere tutte pronte a farti sentire una sfigatella di prima categoria.
Non avendo mai avuto la presunzione di essere una grande conoscitrice di alta moda o dei migliori designer in circolazione, cerco di parlare di quello che conosco, che ho toccato con mano, di quello che io stessa compro e metto con delicatezza nel mio adorato armadio.
Va bene, care rabbiose e inacidite fashion blogger, non saranno pezzi da collezione o abiti che costano un occhio della testa, ma a me piacciono e non me ne frega più di tanto se sull’etichetta c’è scritto un nome che solo a guardarlo il portafoglio si svuota o il nome di una grande catena.
State arricciando il naso un po’ schifate? Sicuramente non starete neppure leggendo o se , sfiga vuole, siete capitate proprio su questa paginetta blu, non sarete certo curiose di leggere fino in fondo le stupidaggini che questa ragazzeta mal vestita e che si crede una top model sta scrivendo.
Purtroppo per me i soldi che guadagno sono pochi e mi servono per arrivare a fine mese senza dover chiedere nulla ai miei genitori.
Il mio stipendio equivale quasi sicuramente alla cerniera di una borsa di Chanel, ma con un decimo di quello stesso stipendio io riesco a comprare un paio di scarpe al mese, carine e versatili.
Mi si romperanno il mese dopo? E chissenefrega! una ragione in più per comprarne un altro e rinnovare l’armadio. E così di mese in mese.
Non nego che un bel paio di Loboutin mi farebbero impazzire di gioia al solo sguardo, ma credo che sapersi vestire in modo decente non sia per forza direttamente proporzionale alla quantità di verdoni che si spendono per farlo.
Oltretutto mi capita di vedere queste affascinanti fashion blogger vestite con marchi celeberrimi dalla testa fresca di messa in piega fino ai loro affusolati piedini, ma se lo sguardo si allontana e ci dona una visione d’insieme, i risultati sono spesso spaventosi!
Va bene che valete più di una banca vestite così ma mio fratello di 11 anni almeno sa abbinare i colori!
Detto questo mi dissocio ufficialmente dalle “marche per forza, se no non sei figa” e domani vado da Zara.

 

Sheena