Fitness & Wellness

E tu… che “gainer” sei?

Federico Raffaele Cartareggia
23 maggio 2014

gainer

Non possiamo utilizzare gli stessi parametri di allenamento standard per persone che rispondono diversamente ai vari stimoli, ecco perché è fondamentale capire che tipo di corpo abbiamo e come reagisce all’allenamento.

Esistono 3 diverse categorie di persone, dette “gainer”:

– slow gainer
– medium gainer
– easy gainer o fast gainer

Fondamentale è riconoscere quale tipo di “gainer” siamo per poter stabilire la giusta tipologia di allenamento e la corretta combinazione di stimoli che facciano rispondere al meglio il nostro corpo; quindi dovremo aggiustare le serie, i carichi, le ripetizioni, i tempi di recupero e di riposo fino a quando non otterremo la giusta combinazione che ci porterà a ottenere i risultati auspicati.

SLOW GAINER

I soggetti definiti Slow Gainer hanno fibre muscolari in prevalenza rosse, hanno un’alta sopportazione alla fatica e alla resistenza e  maggiori difficoltà nella costruzione della massa muscolare. Per questo tipo di “gainer” si consigliano 8/10 serie o più (a gruppo muscolare) e 8/15 ripetizioni.

MEDIUM GAINER

I Medium Gainer hanno fibre muscolari miste (bianche e rosse), una media tolleranza alla fatica ed alla resistenza e una crescita muscolare nella media (circa il 60% della popolazione rientra in questa categoria). Ad essi è suggerito un allenamento che prevede 6/9 serie (a gruppo muscolare) e 6/12 ripetizioni per ciascuna serie.

EASY GAINER o FAST GAINER

I soggetti definiti Easy Gainer o Fast Gainer sono persone con una predominanza di fibre bianche, hanno una bassa tolleranza alla fatica ed alla resistenza. Questi soggetti sono geneticamente predisposti ad una crescita muscolare più facile e veloce. Agli Easy Gainer si consigliano 3/8 serie (a gruppo muscolare) e 4/10 ripetizioni.

La differenza tra questi tre tipi di “gainer” è data dalla tipologia predominante di fibre muscolari: rosse o bianche. Le fibre bianche hanno un bassa resistenza alla fatica e rapidità di contrazione, mentre le fibre rosse sono più resistenti e hanno una velocità di contrazione più lenta. ATTENZIONE ! Una persona può essere, ad esempio, slow gainer per un determinato gruppo muscolare e easy/medium gainer per un altro! Quindi è importantissimo imparare a capire come il nostro corpo ed i singoli gruppi muscolari rispondono agli stimoli e dunque posizionarsi in uno dei tre tipi di “gainer”, modellando cosi al meglio l’allenamento su noi stessi.

Federico Raffaele Cartareggia